Credetemi, so quanto sia difficile liberarsi da una dipendenza da cibo o semplicemente da un cibo che vi piace. E le noci sono uno degli alimenti più avvincenti: oggi sono tutti pronti, facili da mangiare, facili da assumere e, infine, quando si inizia, è difficile smettere.

Tuttavia, credo che molti di noi abbiano già avuto questa esperienza di mangiare troppo e quindi di avere un mal di stomaco piuttosto spiacevole (ma poiché non impariamo dai nostri errori, ricominciamo un po ‘di tempo dopo ^^).

In breve, più di ogni altra noce, penso che l’anacardio NON sia un alimento da consumare con una dieta chetogenica. E poiché so che non vuoi credermi, esporrò le mie argomentazioni per aiutarti a sbarazzartene.

E I CARBOIDRATI POI?

Quindi a livello di carboidrati, chiaramente per l’anacardio, non è eccezionale! Abbiamo in media 26 g di carboidrati NET (cioè fibre dedotte!) Per 100 g.

Se mangi solo 30 g, questo ti rende già 7,5 g di carboidrati e siamo onesti: CHI SI FERMA CON L’ANATRA 30G? La maggior parte delle persone tende a mangiare porzioni di 50 g ++ … Quindi, mangiando 50 g di anacardi, hai consumato 10 g di carboidrati, che è la metà di ciò che puoi mangiare durante il giorno … E questi carboidrati sono stati presi dagli anacardi, a detrimento verdure verdi o carboidrati nutrienti. Ed è un peccato perché, come diciamo, l’anacardio NON è interessante dal punto di vista nutrizionale.

L’ACQUA NON È UN DADO!

Nonostante il suo nome, l’anacardio non è un NUT. È una specie di fagiolo, che fa parte della famiglia dei legumi.

Me lo dirai: lo stiamo combattendo ***. Bene no, perché quando sai che è un legume, pensi immediatamente a MEFIANCE: presenza di acido fitico e lectine tossiche.

In effetti la specie di fagiolo contenente l’anacardio (la roba verde) è appeso sotto il frutta (la cosa gialla a forma di zucca). Grazie alle lectine contenute nel fagiolo, le tribù della foresta amazzonica avevano imparato a lanciare le NUTS, a mangiare solo il frutto. (Di cui oggi abbiamo quasi dimenticato!)

Ad esempio, è menzionato nel libro di Steven Gundry (The Plant Paradox), quello i lavoratori che raccolgono gli anacardi sono ora costretti a indossare i guanti poiché il guscio che protegge l’anacardio è irritante.

Inoltre, l’aggressività delle lectine contenute nell’anacardio lo rende una delle noci più allergeniche (con arachidi). Ci sono molti studi (incluso questo: dermatite associata a kosher ma consumo) che evidenziano allergie, eruzioni cutanee e altre reazioni che risultano dal loro consumo.

Se vuoi capire meglio il problema della lectina, vedi questo articolo in cui spiego molto semplicemente come funziona. (senza ordinarti).

ACIDO FITICO

Molti di voi penseranno: sì, ma non ho un’allergia.

È davvero un buon punto per te. Tranne che non contiene solo lectine, gli anacardi contengono anche una sostanza nociva chiamata ACIDO FITICO.

POROSITÀ INTESTINALE

L’acido fitico è una sostanza molto aggressiva per l’intestino, che generare porosità intestinale. Stimolando la produzione di zonulina, l’acido fitico genererà la capacità di aprire le giunzioni strette della mucosa intestinale e creare questa problematica porosità.

Iper-porosità intestinale (sindrome di permeabilità intestinale) grave infiammazione, nonché problemi di immunità e metabolismo, per non parlare di Malattie autoimmuni e altri disturbi più gravi.

Antinutrienti

Infine, è importante ricordare che l’acido fitico è ciò che chiamiamo ANTI-NUTRIENTE: ti impedisce di assorbire i nutrienti nel prodotto. Quindi quando vendi ad esempio che l’anacardio è ricco di minerali, beh SÌ, è ricco di minerali, ma NON TUperché non sarai in grado di assorbirli.

In breve.

Se vuoi liberarti di questa sostanza tossica, dovrai immergere gli anacardi durante la notte: eliminerai così gran parte di esso.

Dovrebbero essere esclusi?

In conclusione, come sempre, direi che mangiare alcuni anacardi di tanto in tanto non ti danneggerà né distruggerà il tuo intestino durante la notte.

NEANMOINS, ci sono alcune circostanze in cui consiglio vivamente di evitarle:

  • elevata porosità intestinale : Se hai già marcato porosità intestinale (costipazione, diarrea, allergie, reattività all’istamina, candidosi, ecc.), Non ti diverti a mangiarlo troppo spesso. La combinazione di lectine + acido fitico è troppo aggressiva per l’intestino già fragile.
  • forte infiammazione: Se il tuo apparato digerente soffre già di infiammazione, evita anche loro. Notifica speciale per le persone che soffrono di malattie autoimmuni come artrite reumatoide: evitare COMPLETAMENTE.

E per gli altri, se vuoi preservare l’integrità del tuo intestino, distanzia il più possibile il loro consumo! Se ti stai chiedendo la porosità intestinale: puoi: