Le diete non significano morire di fame il tuo corpo, specialmente il dieta chetogenica. I no-sayers potrebbero deridere quando sentono le “restrizioni” del cheto, ma chiunque abbia approfondito questo delizioso stile di vita sa che è davvero soddisfacente.

Non devi rimanere affamato con il cheto.

Dopo aver superato l’influenza cheto, anni di chetosi e immersi nella scienza, ora sappiamo che la dieta cheto non deve essere una moda passeggera per te. La deprimente fatica di privare il tuo corpo per la perdita di peso non è il modo giusto di vivere o fare keto.

Ci siamo seduti per capire i modi migliori per spiegare e combattere la fame mentre mangiavamo cheto. Ecco cosa abbiamo trovato.

Mangia abbastanza grassi

La dieta cheto al suo interno è a basso contenuto di carboidrati, proteine ​​​​moderate e ricca di grassi. Molte persone si concentrano sulla parte restrittiva della dieta quando iniziano per la prima volta e trascurano di aumentare l’assunzione di grassi.

In uno stato di chetosi, i chetoni vengono convertiti dal grasso e diventano la principale fonte di carburante del nostro corpo. Quindi, ti sentirai estremamente affamato di cheto a meno che tu non ottenga i tuoi macronutrienti giornalieri.

Obiettivi giornalieri per calcolo delle macro dovrebbe essere:

  • Meno di 20 grammi di carboidrati netti
  • Tra 0,6 e 1 grammo di proteine ​​per chilo di massa corporea magra
  • Oltre il 70% delle calorie giornaliere dai grassi

Questo è un esempio della ripartizione calorica del 2000 di una dieta chetogenica:

  • 80 calorie / 20 grammi di carboidrati netti
  • 320 calorie / 80 grammi di proteine
  • 1200 calorie / 133 grammi di grasso

Assicurati di leggere la nostra guida su cosa succede se non mangi abbastanza grassi su keto.

Caffè a prova di proiettile

Inizia la giornata con grasso nel tuo caffè! Se hai una spudorata abitudine al caffè come noi, aggiungere grasso con la tua tazza di caffè mattutino dovrebbe essere un gioco da ragazzi. La ricetta base è di frullare insieme:

  • 12 once di caffè
  • 2 cucchiai di burro
  • 1 cucchiaio di olio MCT

Aggiungi una gustosa crema al caffè al collagene per ancora più benefici che frenano la fame di cheto.

Bombe grasse

Le bombe grasse sono il segreto per abbandonarsi alla dieta cheto. Questi dolcetti non sono solo calorie vuote. Il burro di cacao, le proteine ​​in polvere e l’olio MCT forniscono al tuo corpo una macro sazietà.

Abbiamo escogitato una ricetta che ha prodotto il più versatile e le migliori bombe di grasso cheto che sono convenientemente stabili a scaffale. Puoi personalizzare e aggiungere qualsiasi cosa alla nostra ricetta per farla tua.

Aggiungi il burro alle verdure

Le verdure hanno un ottimo sapore imbevuto di burro e con questa dieta aggiungeranno grassi sani che aiutano a segnalare al tuo corpo che sei pieno.

Crediamo fermamente e la scienza dimostra che consumare principalmente grassi ad alto contenuto di omega-3 (burro nutrito con erba, altri grassi animali e olio d’oliva) – al contrario di grassi omega-6 (oli vegetali come soia, colza e girasole) – ridurre l’infiammazione di tutto il corpo e contribuire a una migliore salute generale.

Non privarti

Questa dieta ricca di grassi e povera di carboidrati può essere uno stile di vita efficace per coloro che vogliono andare lontano, ma non abbreviarti. Una grande parte del successo e non essere sempre affamati di cheto è dare al tuo corpo cibo in abbondanza per sentirsi pieno.

Non stressarti per il grasso corporeo in eccesso a breve termine. Stai cambiando la tua salute a lungo termine. I risultati arriveranno, ma solo se ti senti abbastanza soddisfatto per andare avanti. Quindi, mangia un avocado extra o una bomba grassa. Alla fine, il tuo corpo ti ringrazierà.

Riduci i dolcificanti artificiali

È super facile a cui rivolgersi dolcificanti artificiali quando si taglia molto zucchero. Con la loro genuina capacità di trasformare il cibo senza aumentare la glicemia, ha senso guardare dall’esterno.

Ma per molti, questi dolci e malaticci sostituti danno al corpo una falsa speranza e li lasciano desiderare il vero affare.

Ti consigliamo di passare un’intera settimana senza sostituti dello zucchero e di aggiungerne uno a un trattamento che metterà alla prova la reazione del tuo corpo. Sii consapevole di ciò che mangi e di come ti influenza mentalmente e fisicamente.

Dormire a sufficienza

Sapevi che la quantità di sonno che ottieni può determinare il tuo appetito? La privazione del sonno è collegata all’eccesso di cibo. Ci sono due ormoni che regolano la fame la cui produzione è influenzata dalla quantità di sonno che si ottiene ogni notte.

I livelli di grelina aumentano e i livelli di leptina diminuiscono quando il tuo corpo sperimenta un sonno non ottimale. Questo porta ad un aumento dell’appetito e del desiderio di cibo. Livelli elevati di grelina stimolano anche la produzione di grasso e la crescita corporea.

Quindi, ottieni le 7-9 ore di sonno consigliate ogni notte e prova a utilizzare un’app del sonno per misurare il riposo notturno.

Molte persone hanno scoperto che il nastro adesivo aumenta la qualità e la durata del sonno. Per molti di noi, la risposta è semplice come disconnettersi dai dispositivi un’ora prima di coricarsi. La luce blu emessa dalla maggior parte dell’elettronica moderna interrompe il nostro ritmo circadiano.

Se hai fame di cheto, una buona notte di ripristino è ciò che il tuo corpo potrebbe effettivamente desiderare.

Troppi snack proteici o di carboidrati

Con tutti i deliziosi snack keto-friendly là fuori, è conveniente prendere qualcosa nella dispensa e dimenticare di seguirlo nelle tue macro. L’assunzione di proteine ​​o carboidrati può insinuarsi senza che ci rendiamo nemmeno conto che stiamo mettendo a repentaglio la nostra dieta. Tieni traccia di tutto!

Se senti il ​​bisogno di avere il controllo sugli spuntini, prova a implementare a piano alimentare cheto e pre-misura spuntini macro friendly per la tua giornata. Ad alcune persone piace il digiuno intermittente o forse hanno bisogno di bere un bicchiere d’acqua per riempire il vuoto.

Bevi più acqua

Ci siamo stati tutti… Ti svegli, ti lavi i denti e ti rendi subito conto che il tuo stomaco brontola.

Dopo un periodo significativo di cheto, potresti scoprire che quei dolori della fame sono per lo più un ricordo del passato. Ma soprattutto all’inizio, quelli potrebbero essere più un segnale di sete che di fame.

Uno studio su uomini adulti sani ha scoperto che bere acqua prima di un pasto ha effettivamente ampliato lo stomaco abbastanza da ridurre la fame. Le persone nello studio in realtà hanno mangiato meno per il pasto subito dopo aver caricato l’acqua.

Il fabbisogno idrico di persone diverse varia, ma è una buona idea puntare a circa la metà del tuo peso corporeo in once al giorno. Quando hai fame ma non è l’ora dei pasti, prova a bere 16-24 once d’acqua, aspettando circa 15 minuti, e determina se vuoi ancora mangiare o meno.

Prova cibi e bevande keto-friendly e che sopprimono l’appetito

Se ti senti sempre affamato e sai che stai assumendo molte calorie, prova ad aggiungere alla tua dispensa alcuni articoli specifici che sono noti per ridurre la fame. Questi includono:

Esercizio

L’esercizio fisico è un ottimo modo per sostenere gli sforzi di perdita di peso, ma è anche utile se vuoi smettere di sentirti affamato con il cheto. Molteplici ricerche pubblicate supportano l’idea che l’esercizio sopprima la produzione dell’ormone della fame grelina mentre aumenta la produzione di composti che ti aiutano a sentirti pieno, come PPY, GLP-1 e PP.

Cambia la tua mentalità

Puoi mangiare la pancetta, puoi mangiare il formaggio e puoi persino mangiare il formaggio avvolto nella pancetta. Non cadere nella trappola di concentrarti su tutti i cibi che non puoi mangiare. Invece, concentrati sul positivo. La motivazione e la pianificazione aumentano le probabilità di successo.

L’erba sembra sempre più verde nell’altro pascolo. Una volta che ti abitui al cheto, troverai una miriade di gustose fonti di carburante e non vorrai più tornare agli spuntini Atkins insipidi o ai cibi a basso contenuto di grassi.

In sintesi

  • Mangia molti grassi con:
  • I dolcificanti artificiali possono aumentare le tue voglie di zucchero.
  • La quantità di sonno che ottieni è correlata all’appetito il giorno successivo.
  • Guarda gli spuntini oziosi e trova una disciplina che incoraggi un’alimentazione intenzionale.
  • Guarda il lato positivo. Hai così tante opzioni per evitare di avere fame di cheto e tutto questo mangiare pulito sta cambiando il tuo corpo in meglio!

Fonti

  1. Paoli, A., Rubini, A., Volek, JS e Grimaldi, KA (2013). Oltre la perdita di peso: una rassegna degli usi terapeutici delle diete a bassissimo contenuto di carboidrati (chetogeniche). Rivista europea di nutrizione clinica, 67(8), 789. Testo completo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3826507/
  2. Patterson, E., Wall, R., Fitzgerald, GF, Ross, RP e Stanton, C. (2012). Implicazioni sulla salute degli acidi grassi polinsaturi omega-6 ad alto contenuto dietetico. Giornale di nutrizione e metabolismo, 2012. Testo completo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3335257/
  3. Yang, Q. (2010). Aumentare di peso “facendo una dieta?” Dolcificanti artificiali e neurobiologia del desiderio di zucchero: Neuroscience 2010. The Yale Journal of Biology and Medicine, 83(2), 101. Testo completo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2892765/
  4. Prinz, P. (2004). Sonno, appetito e obesità: qual è il collegamento?. Medicina PLoS, 1(3), e61. Testo completo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC535424/
  5. Hatori, M., Gronfier, C., Van Gelder, RN, Bernstein, PS, Carreras, J., Panda, S., … e Furukawa, T. (2017). Aumento globale dei potenziali rischi per la salute causati dall’interruzione circadiana indotta dalla luce blu nelle moderne società che invecchiano. npj Invecchiamento e meccanismi della malattia, 3(1), 1-3. Testo completo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5473809/
  6. Corney, RA, Sunderland, C. e James, LJ (2016). L’ingestione immediata di acqua prima dei pasti riduce l’assunzione volontaria di cibo nei giovani maschi magri. Giornale europeo della nutrizione, 55(2), 815-819. Riassunto: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25893719
  7. Mansour, MS, Ni, YM, Roberts, AL, Kelleman, M., RoyChoudhury, A. e St-Onge, MP (2012). Il consumo di zenzero potenzia l’effetto termico del cibo e favorisce la sensazione di sazietà senza influenzare i parametri metabolici e ormonali negli uomini in sovrappeso: uno studio pilota. Metabolismo, 61(10), 1347-1352. Testo completo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3408800/
  8. Gotta, B., Bourges, C. e Paineau-Dubreuil, S. (2010). Satiereal, un estratto di Crocus sativus L, riduce gli spuntini e aumenta la sazietà in uno studio randomizzato controllato con placebo su donne in buona salute leggermente sovrappeso. Ricerca nutrizionale, 30(5), 305-313. Riassunto: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20579522
  9. Alkhatib, A. e Atcheson, R. (2017). Yerba Mate (Ilex paraguariensis) effetti metabolici, di sazietà e dello stato d’animo a riposo e durante l’esercizio fisico prolungato. Nutrienti, 9(8), 882. Testo completo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5579675/
  10. Schubert, MM, Irwin, C., Seay, RF, Clarke, HE, Allegro, D. e Desbrow, B. (2017). Caffeina, caffè e controllo dell’appetito: una recensione. Rivista internazionale di scienze alimentari e nutrizione, 68(8), 901-912. Riassunto: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28446037
  11. Greenberg, JA e Geliebter, A. (2012). Caffè, fame e peptide YY. Giornale dell’American College of Nutrition, 31(3), 160-166. Riassunto: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23204152
  12. Schubert, MM, Sabapathy, S., Leveritt, M. e Desbrow, B. (2014). Esercizio acuto e ormoni correlati alla regolazione dell’appetito: una meta-analisi. Medicina dello sport, 44(3), 387-403. Riassunto: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24174308
  13. Milne, S., Orbell, S. e Sheeran, P. (2002). Combinare interventi motivazionali e volitivi per promuovere la partecipazione all’esercizio: teoria della motivazione della protezione e intenzioni di attuazione. Rivista britannica di psicologia della salute, 7(2), 163-184. Riassunto: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14596707