Edamame è ricco di vitamina K, colina, fibre alimentari e proteine ​​vegetali.

Ma l’edamame è keto-friendly?

Bene, questo post ripercorre il consumo di edamame con cheto, alcune deliziose ricette di edamame e alternative a basso contenuto di carboidrati.

Puoi mangiare edamame con una dieta chetogenica?

Edamame è un legume e i legumi non sono ammessi su keto. Quindi, se stai seguendo una dieta cheto rigorosa, ti suggerisco di evitarlo.

Tuttavia, non ti farà uscire dalla chetosi in piccole quantità. È nella zona grigia di ciò che è consentito su cheto. Se la tua dieta a basso contenuto di carboidrati è un po ‘più flessibile, allora non c’è nulla di male nel mangiare occasionalmente piccole porzioni di edamame. Questo perché ha meno carboidrati rispetto alla maggior parte dei legumi.

Una porzione di mezza tazza di edamame contiene nove grammi di carboidrati e quattro grammi di fibre alimentari. Questo gli conferisce un punteggio netto di carboidrati di soli cinque grammi. Ha anche quattro grammi di grassi per porzione, quindi stai consumando quantità simili di carboidrati e grassi.

Puoi mangiare una porzione di edamame con cibi a basso contenuto di carboidrati e ricchi di grassi come la pancetta e mantenere comunque la chetosi.

Valore nutrizionale dell’edamame

Una porzione di edamame contiene:

  • Nove grammi di carboidrati
  • Quattro grammi di fibra alimentare
  • Cinque grammi di carboidrati totali
  • 94 calorie
  • Quattro grammi di grasso
  • Cinque grammi di sodio
  • 1,5 grammi di zucchero
  • 10 grammi di proteine

Consumerai anche il 20% del tuo fabbisogno giornaliero di ferro, l’11% del tuo fabbisogno di vitamina C e oltre il 100% del tuo fabbisogno di colina. Ci sono anche tracce di rame, zinco, riboflavina, niacina e fosforo nell’edamame.

Benefici per la salute di Edamame

Ecco alcuni benefici per la salute che puoi aspettarti di provare mangiando edamame.

Può aiutare a prevenire l’emicrania

Poiché l’edamame ha grandi quantità di magnesio, può aiutare ad alleviare e prevenire l’emicrania.

Il magnesio è un nutriente essenziale e gli studi dimostrano che oltre il 75% degli americani non soddisfa il proprio fabbisogno di magnesio. Ciò è dovuto al consumo di alimenti trasformati che contengono poca o nessuna nutrizione.

Ed è dimostrato che chi soffre di emicrania ha livelli di magnesio ancora più bassi rispetto all’americano medio.

In uno studio, i medici hanno somministrato a chi soffre di emicrania una flebo di magnesio, che ha raggiunto una percentuale di successo del 95%.

Quindi, se stai lottando con l’emicrania cronica, considera l’introduzione di piccole quantità di edamame nella tua dieta. Aiuta anche a prendere un integratore di magnesio e mangiare altri cibi ricchi di magnesio come:

Edamame guarisce l’acne

Edamame contiene una discreta quantità di vitamina A che è essenziale per la salute della pelle, degli occhi e della funzione immunitaria.

Gli studi dimostrano che molte persone alle prese con l’acne cistica hanno effettivamente una carenza di vitamina A. Questo è il motivo per cui Accutane è uno dei trattamenti più popolari per l’acne estrema. Fondamentalmente sono livelli altissimi di vitamina A artificiale.

Quindi, implementando piccole quantità di edamame nella tua dieta, aumenti il ​​consumo di vitamina A, migliorando la pelle.

Riduce l’infiammazione

Come la cannella, l’edamame contiene molti antiossidanti. Questi antiossidanti combattono i radicali liberi e l’ossidazione. Può anche eliminare le tossine dagli alimenti trasformati, rafforzando il sistema immunitario e riducendo l’infiammazione.

Contiene anche colina e vitamine del gruppo B, che si trovano per ridurre l’infiammazione nei pazienti con asma e malattie cardiache.

Tuttavia, non dovresti mangiarne grandi quantità perché, se sei sensibile alle lectine, provocherebbe un’infiammazione allo stomaco e una permeabilità intestinale.

Una parola di cautela quando si mangia Edamame

Edamame e legumi, in generale, contengono elevate quantità di lectine.

Le lectine sono proteine ​​negli alimenti che agiscono come meccanismo di sopravvivenza nelle piante. Tiene lontani gli insetti e impedisce loro di mangiarlo perché li uccide.

Quando qualcuno è sensibile alle lectine e mangia troppo, crea un’infiammazione nello stomaco che porta alla sindrome dell’intestino permeabile. Ciò può causare condizioni autoimmuni come l’artrite reumatoide.

Alcuni studi hanno persino rilevato che un elevato consumo di lectina può peggiorare la depressione.

Quindi, se soffri di permeabilità intestinale, depressione o qualsiasi malattia autoimmune, è meglio evitare l’edamame poiché sono fondamentalmente semi di soia immaturi. Vuoi anche evitare altri alimenti ad alto contenuto di lectina come:

  • Fagioli
  • Arachidi
  • Alimenti a base di soia
  • Cereali integrali
  • Piselli verdi
  • Baccelli di fagioli
  • Verdure di belladonna

Invece, opta per verdure a foglia verde e verdure crocifere.

Se non sei sensibile all’edamame e ad altri alimenti ad alto contenuto di lectina, vuoi comunque immergerli in acqua per alcune ore e cuocerli accuratamente poiché riduce il contenuto di lectina.

Come introdurre Edamame nella tua dieta

Mangiare edamame da solo è sgradevole. Quindi ecco alcune ricette cheto da provare.

Keto Bacon Ed Edamame

Per questo delizioso spuntino, ti servono solo tre ingredienti:

È un pasto facile da preparare quando sei appena tornato a casa da una lunga giornata di lavoro o quando sei in viaggio.

Per prima cosa, prendi mezza tazza di edamame congelato e fallo bollire in una pentola per circa quattro o cinque minuti. Nel frattempo scaldate la padella con un po’ di burro e aggiungete cinque fette di pancetta. Cuocere fino a quando non è croccante e condire con sale e pepe.

Infine, mescola la pancetta e l’edamame cotto e sei a posto. Se vuoi rendere le cose più piccanti, prova ad aggiungere del riso al cavolfiore.

Questa ricetta contiene 30 grammi di grassi, 25 grammi di proteine ​​e solo quattro grammi di carboidrati netti.

Keto Edamame Spaghetti

Se hai voglia di carboidrati, considera di preparare gli spaghetti edamame. È gustoso e richiede solo pochi minuti.

Per prima cosa mettete 200 grammi di spaghetti edamame in una pentola di acqua bollente. Vuoi cucinarlo per tre o cinque minuti o finché non è morbido.

Scolare l’acqua e aggiungere sei cucchiai di burro, due uova, una tazza di parmigiano grattugiato, una manciata di funghi, uno spicchio d’aglio, un cucchiaino di salsa di soia e condire con sale e pepe.

Da qui, puoi goderti il ​​tuo pasto, ma suggerirei di aggiungere carne macinata, pancetta o pollo per un sapore extra.

Snack Keto Edamame Aglio E Parmigiano

Per questo spuntino in movimento, avrai bisogno di:

  • Mezza tazza di fagioli edamame
  • ⅛ cucchiaino di aglio in polvere
  • Un cucchiaino di olio d’oliva
  • ½ tazza di parmigiano grattugiato

Per prima cosa, cuoci il tuo edamame in una pentola per 3-5 minuti. Scolatela e versatela in una ciotola capiente. Aggiungere l’olio d’oliva, l’aglio in polvere e il parmigiano e dare una bella scossa. Infine, condire con sale e pepe a piacere e gustare.

Come la ricetta degli spaghetti keto edamame, sentiti libero di aggiungere la tua carne preferita.

Quali sono alcune alternative a Keto per Edamame?

Se stai cercando alimenti cheto con meno carboidrati, considera le seguenti opzioni.

Cavoletti di Bruxelles

Il cavoletto di Bruxelles è una verdura crocifera contenente otto grammi di carboidrati totali e 4,5 grammi di carboidrati netti per porzione. Questo lo rende un’alternativa keto-friendly all’edamame perché non è un legume e non dovrai limitare così tanto il tuo consumo.

È anche facile da introdurre nella tua dieta cheto. Puoi cucinare i cavoletti di Bruxelles con aglio e burro per un delizioso contorno o aggiungere pancetta e formaggio grattugiato per un pasto conveniente.

Sedano

Il sedano è la verdura perfetta per perdere peso. Una tazza di sedano tritato ha solo 14 calorie e tre carboidrati netti. È dimostrato che abbassa la glicemia e la pressione e aumenta il testosterone. Mi piace intingere i bastoncini di sedano nel burro di noci o nell’hummus per uno spuntino keto in movimento. Potrebbe piacerti anche questa ricetta del sedano ripieno!

Asparago

Gli asparagi contengono quattro grammi di carboidrati e 20 calorie per porzione, rendendolo un’altra pratica alternativa all’edamame.

L’asparago è unico perché è prebiotico, il che significa che si rompe solo quando raggiunge l’intestino crasso. E i microbi nel tuo intestino crasso vivono di questa fibra, il che significa che costruisci batteri amici.

Broccoli

Come il sedano, i broccoli sono un altro ortaggio a basso contenuto calorico per chi cerca di perdere peso. Contiene solo 31 calorie e quattro grammi di carboidrati per tazza.

C’è anche un composto nei broccoli chiamato sulforafano che inibisce il cancro al seno e alla prostata.

Zucchine

Una tazza di zucchine contiene tre grammi di carboidrati e 17 calorie. Ha anche nutrienti essenziali come vitamina A, C, manganese e luteina che aiutano a proteggerti dalle malattie.

Se hai voglia di patatine fritte, considera di prepararne alcune con le zucchine. Puoi anche preparare una casseruola di formaggio, un gratin di zucchine o una frittata di keto con zucchine. Prendi un po’ di keto mayo o ketchup e sei a posto.

Cerchi altre guide sui cibi keto friendly? Dai un’occhiata ai nostri post su carta di riso cheto?, ceci cheto?, hummus cheto?, quinoa cheto?, cipolle cheto?, aglio cheto?, tofu cheto? e l’anguria è keto?

L’ultima parola sul mangiare Edamame su Keto

Per chi è a dieta cheto rigorosa, suggerirei di stare lontano dall’edamame perché è un legume.

Ma se sei un po ‘flessibile, puoi goderti l’edamame su keto, ma mantieni le tue porzioni piccole per ridurre l’assunzione di carboidrati. Inoltre, non è qualcosa che vuoi mangiare regolarmente a causa del suo alto contenuto di lectina.

Invece, opta per broccoli, cavoletti di Bruxelles, asparagi, sedano e zucchine perché sono verdure a basso contenuto di carboidrati e deliziose.