Gli studi dimostrano che il consumo di determinati oli può portare a malattie cardiache, diabete e persino cancro.

Allora qual è l’olio migliore per condire stoviglie in ghisa?

Questo post copre tutto ciò che devi sapere sulla scelta dell’olio per la cottura in ghisa. Esaminerò le opzioni più salutari mentre ti mostrerò quali evitare.

Perché un buon olio da cucina è importante?

Scegliere l’olio da cucina adatto alla propria ghisa è importante perché l’utilizzo di grassi polinsaturi ha conseguenze dannose per la salute. Questi effetti avversi includono:

  • Cardiopatia
  • Cancro
  • Diabete
  • Il morbo di Alzheimer
  • Ictus

Negli anni ’60 Ivan Frantz ha condotto uno degli studi più dettagliati e ben finanziati che hanno fatto luce sugli effetti dannosi degli oli vegetali polinsaturi.

Questo studio, chiamato The Minnesota Coronary Survey, ha richiesto diversi anni per creare e utilizzare oltre 9000 partecipanti.

In breve, Frantz controllava tutto ciò che i partecipanti mangiavano. Tutti avevano lo stesso cibo, ma un gruppo si godeva i pasti cucinati nel burro mentre altri mangiavano cibi cucinati con oli vegetali polinsaturi.

Dopo cinque anni, Frantz ha scoperto che coloro che mangiavano cibi fritti in olio vegetale morivano prima e avevano una qualità di vita inferiore.

Ma perché gli oli vegetali polinsaturi sono così dannosi?

Gli americani mangiano sei cucchiai di olio vegetale al giorno ed è impossibile consumare naturalmente questa quantità di grassi polinsaturi. Occorrono 98 spighe di grano per fare cinque cucchiai di olio di mais. Se i produttori vogliono produrre olio di vinaccioli, avranno bisogno di oltre 600 acini.

E da allora questi oli sintetici si ossidano rapidamente, stai lentamente danneggiando le cellule e le proteine ​​del tuo corpo, aumentando il rischio di mortalità.

Quindi quali sono gli oli più sani da usare per le tue pentole in ghisa?

I 5 migliori oli da cucina per condimenti in ghisa

Attenersi a queste opzioni quando acquisti condimento in ghisa:

  1. Olio di cocco
  2. Olio di avocado
  3. Olio d’oliva
  4. Sego di manzo
  5. Olio di noci di macadamia

1. Olio di cocco

Una porzione di olio di cocco contiene 100 grammi di grasso e 87 grammi di questo sono grassi saturi. A differenza dei grassi polinsaturi, che sono fragili e si ossidano rapidamente, i grassi saturi sono stabili e non si ossidano se esposti al calore.

Potresti pensare che l’olio di cocco sia dannoso prima che contenga principalmente grassi saturi. Tuttavia, diversi studi come il Minnesota Coronary Survey, il Sydney Study e la Women’s Health Initiative mostrano che è vero il contrario.

Ecco alcuni vantaggi supportati dalla scienza dell’utilizzo dell’olio di cocco:

  • Contiene il 70% di olio MCT
  • L’olio di cocco è antibatterico
  • Ti senti più energico

Gli MCT o trigliceridi a catena media sono grassi che si trasformano in chetoni e le tue cellule cerebrali amano i chetoni poiché li protegge dallo stress. Gli studi dimostrano che gli MCT potenziano la funzione cognitiva e aiutano a gestire la demenza e l’Alzheimer.

Inoltre, il 50% dell’olio di cocco è acido laurico. Questo acido laurico è un precursore della monolaurina, un composto che distrugge il grasso attorno ai virus, potenziando la funzione immunitaria.

Il terzo vantaggio è più energia. L’olio MCT non si basa sugli enzimi digestivi, quindi il tuo corpo può usarlo immediatamente. Questo aumento immediato dei chetoni aumenta l’energia.

L’unico problema con l’olio di cocco è che si indurisce a 74 gradi Fahrenheit. Quindi dovrai metterlo nel microonde prima di condire la tua ghisa.

2. Olio di avocado

Opta per l’olio di avocado se non hai voglia di usare l’olio di cocco nel microonde e desideri un modo più conveniente per condire la ghisa.

Una porzione di olio di avocado contiene:

  • 100 grammi di grasso
  • 12 grammi di grassi saturi
  • 70 grammi di grassi monoinsaturi
  • 13 grammi di grassi polinsaturi

Quindi, sebbene l’olio di avocado offra la stessa quantità di grasso per porzione dell’olio di cocco, ha solo 12 grammi di grassi saturi. L’olio di avocado contiene anche grassi polinsaturi, quindi ti consigliamo di usarlo con cautela poiché un consumo eccessivo può portare all’ossidazione.

L’avocado è ricco di nutrienti essenziali come potassio, vitamina E, luteina e omega 9. Oltre ad essere ricco di nutrienti, l’avocado offre vantaggi come:

  • Combatte l’infiammazione
  • Diminuisce gli effetti dello zucchero
  • Il punto di fumo dell’olio di avocado è di 520 gradi Fahrenheit

Se vuoi ridurre gli effetti del cibo spazzatura sul tuo corpo, opta per l’olio di avocado quando condisci le tue pentole in ghisa. Potresti anche voler cuocere le tue bistecche e verdure in olio di avocado per ridurre l’infiammazione.

Alcuni studi hanno scoperto che le proprietà specifiche dell’olio di avocado possono ridurre l’infiammazione più dei farmaci popolari.

Il mio vantaggio preferito è che diminuisce gli effetti dello zucchero. Questo è utile dopo aver mangiato un pasto cheat.

Infine, l’olio di avocado è un’opzione pratica se stai cucinando ad alte temperature perché ha un alto punto di fumo. Puoi riscaldarlo fino a 480 gradi prima che inizi a fumare.

3. Olio d’oliva

Gli studi dimostrano che un fitonutriente nell’olio d’oliva chiamato fenolo protegge le cellule dall’ossidazione. L’olio d’oliva è anche antiaderente, quindi non dovrai lottare con i pezzi di cibo bloccati.

Una porzione contiene:

  • 100 grammi di grasso
  • 14 grammi di grassi saturi
  • 10 grammi di grassi polinsaturi
  • 72 grammi di grassi monoinsaturi
  • Tracce di ferro e vitamina K

A differenza dell’olio di cocco, l’olio d’oliva non si indurisce, quindi non devi metterlo nel microonde. Basta versare uno strato sottile sulle padelle in ghisa, strofinarlo sulla superficie con un tovagliolo di carta e cuocere per 30 minuti a 400 gradi Fahrenheit.

L’unico problema con l’olio d’oliva è che la maggior parte delle marche aggiunge additivi come:

  • Olio di canola
  • Conservanti
  • Cloro

Ciò fa durare più a lungo la bottiglia e le aziende risparmiano denaro. Ma questi additivi sono tossici, quindi vuoi ottenere olio d’oliva naturale.

L’olio d’oliva sano viene raccolto e spremuto a freddo immediatamente senza alcun ingrediente aggiuntivo. Un modo semplice per sapere se il tuo olio d’oliva è naturale è immergerci un cucchiaino e assaggiare l’olio. Se ti dà un leggero solletico o tosse nella parte posteriore della gola, sai di aver acquistato l’olio giusto.

Ma se ha un sapore insipido, allora contiene olio di canola.

Un’altra bandiera rossa a cui prestare attenzione è la bottiglia. È una bottiglia di vetro o di plastica? Se l’olio d’oliva è in una bottiglia di vetro, è più probabile che sia reale. Le bottiglie di plastica mostrano che il produttore sta cercando di risparmiare denaro, quindi probabilmente hanno aggiunto anche olio di canola.

4. Sego di manzo

Sebbene il sego di manzo non sia un olio, è un’opzione pratica per condire la tua nuova padella in ghisa.

Come l’olio di cocco, il sego di manzo contiene principalmente grassi saturi resistenti all’ossidazione. Dopo aver condito la tua padella in ghisa con grasso di manzo, noterai anche un sapore unico durante la cottura del cibo.

Una porzione di sego di manzo contiene:

  • 100 grammi di grasso
  • 50 grammi di grassi saturi
  • Quattro grammi di grassi polinsaturi
  • 40 grammi di grassi monoinsaturi
  • Tracce di vitamina D

I documenti sottoposti a revisione medica mostrano persino che il grasso di manzo e il grasso di pancetta possono aiutarti a perdere peso. Lo fa in tre modi:

  1. Il sego di manzo è ricco di CLA
  2. Ti mantiene pieno più a lungo
  3. Riduce il desiderio di carboidrati e dolci

Il CLA è una forma di grasso negli alimenti che favorisce la combustione dei grassi e, ricoprendo la padella con sego di manzo, aumenti il ​​consumo di CLA, facilitando la perdita di peso.

Il sego è anche saziante perché ha grassi saturi e zero carboidrati. Ciò ti consente di digiunare più a lungo, riducendo i livelli di insulina e le voglie e aumentando la perdita di peso.

Ma la parte migliore del grasso di manzo è che è super conveniente. Questo lo rende perfetto se stai condendo i tuoi forni olandesi in ghisa con un budget limitato. Gli agricoltori buttano via il sego dopo aver tagliato il bestiame, quindi se riesci a connetterti con una fattoria nella tua zona, puoi ottenerlo quasi per niente.

5. Olio di noci di macadamia

L’olio di macadamia e arachidi è un olio da cucina meno conosciuto, ma è salutare grazie ai bassi livelli di omega 6. È l’olio con il secondo contenuto di omega 6 più basso dietro l’olio di cocco.

Noterai un delizioso sapore di nocciola dopo aver cucinato il cibo in una padella con olio di macadamia. Una porzione contiene:

  • 76 grammi di grasso
  • 12 grammi di grassi saturi
  • 60% di acido oleico

Questa alta concentrazione di acido oleico migliora la salute cardiovascolare e riduce il rischio di sviluppare malattie.

Ora che conosciamo i migliori oli per il condimento della ghisa, diamo un’occhiata ad alcuni oli da evitare.

Leggi la nostra guida ai migliori oli per friggitrici ad aria!

Oli da cucina da evitare

Ecco alcuni oli comuni da evitare:

  • Olio di semi di lino
  • Olio di canola
  • Olio di soia
  • Olio di mais
  • Olio di semi d’uva

Olio di semi di lino

Quando acquisti una padella in ghisa, scoprirai che la maggior parte delle aziende usa l’olio di semi di lino per pre-stagionare le tue padelle in ghisa.

Sebbene l’olio di semi di lino sia ricco di omega 3, si attacca come la colla. Molti appassionati di ghisa, me compreso, usavano olio di semi di lino in passato, seguivano le indicazioni per il condimento e il cibo si attaccava ancora alla padella.

Il motivo per cui l’olio di semi di lino è così incoerente è a causa della varietà. Si ottiene olio raffinato, non raffinato, spremuto a freddo e stabilizzato a scaffale, con risultati diversi. L’olio di semi di lino ha anche un basso punto di fumo, quindi non è un’opzione pratica per il calore elevato.

Olio di canola

Anche se l’olio di canola può aiutare a prevenire che il cibo si attacchi alla padella, è altamente raffinato e devasterà il tuo corpo. Consiglierei di attenersi a un olio più naturale come l’olio di cocco o d’oliva.

I produttori producono olio di canola schiacciando, sbiancando e riscaldando migliaia di semi.

Quindi questo lungo processo industriale è dedicato a strappare l’olio da minuscoli semi. È impossibile consumarlo naturalmente, quindi il tuo corpo innesca l’infiammazione.

Olio di soia

L’olio di soia contiene il 50% di grassi insaturi, il che lo rende un olio da cui stare alla larga durante il processo di stagionatura. Inoltre, l’olio di soia non è un olio antiaderente efficace, quindi il cibo si attacca alla superficie anche dopo aver condito la padella.

Gli studi sui topi hanno scoperto che il consumo di olio di soia li rendeva più grassi dei topi che mangiavano fruttosio.

Olio di mais

Poiché i produttori riscaldano l’olio di mais più volte durante il processo di produzione, è altamente ossidato. Questa ossidazione porta a infiammazioni e diversi problemi di salute a lungo termine.

Invece, opta per olio di cocco, oliva o avocado. Questi oli non subiscono un processo industriale e l’alto contenuto di grassi saturi li rende resistenti all’ossidazione.

Olio di semi d’uva

L’olio di semi d’uva contiene il 70% di omega 6, il che lo rende uno degli oli più instabili e fragili.

L’olio di semi d’uva è più comune in Europa, ma la sua popolarità sta aumentando negli Stati Uniti poiché i produttori si rendono conto di quanto sia economico produrre questo olio.

Ci sono semi d’uva rimanenti dopo il processo di vinificazione e le aziende usano l’esano per estrarre l’olio da questi semi. Questo esano è una sostanza chimica tossica che irrita i polmoni, la gola e il naso.

Il risultato finale è un olio mutato, instabile senza valore nutritivo.

Leggi la nostra guida alla migliore spatola per pentole in ghisa!

Considerazioni finali sul miglior olio di condimento per ghisa

La scelta dell’olio giusto per la vostra attrezzatura in ghisa è essenziale. Gli oli sbagliati non solo fanno attaccare il cibo, ma sono anche malsani e possono portare a problemi di salute a lungo termine.

Se stai cercando un olio stabile e nutriente per condire la ghisa, opta per olio di cocco, oliva, avocado o noce di macadamia. Potresti anche usare il sego di manzo poiché darà ai tuoi pasti un po’ di sapore in più.

Tuttavia, evita l’olio vegetale raffinato come l’olio di colza, soia, semi di lino, mais, semi d’uva e girasole. Questi oli sono instabili e ossidano le proteine ​​e le cellule del tuo corpo.