Suddivideremo questi dolcificanti in 3 categorie distinte per scegliere il miglior sostituto dello zucchero per una dieta cheto. Queste categorie sono dolcificanti artificiali, alcoli di zucchero e dolcificanti naturali. Guarda il nostro video in cui tocchiamo tutto ciò che è trattato in questo post sul blog e forniamo i nostri consigli per il miglior sostituto dello zucchero per cheto.

Dolcificanti artificiali

Questi tendono a essere conosciuti come dolcificanti intensi perché sono molto più dolci dello zucchero normale. Sulla base di questo fatto, hai solo bisogno di una frazione della quantità che useresti normalmente con lo zucchero normale. Questo è visto come un vantaggio da molti. Contengono sostanze chimiche sintetiche che stimolano i recettori del gusto dolce sulla lingua. Quindi, analizziamo i diversi tipi di dolcificanti artificiali.

Aspartame

Potresti non riconoscere il nome, ma se hai mai usato Equal, hai usato l’aspartame. L’aspartame è un dolcificante a basso contenuto calorico, circa 180 volte più dolce dello zucchero normale. I componenti che compongono questo dolcificante artificiale sono aminoacidi, acido aspartico e fenilalanina, che non solo vengono scomposti completamente dal tuo corpo, ma si trovano in quantità maggiori in una grande quantità di alimenti, come carne e verdure. L’aspartame è 0 calorie e 0 indice glicemico. Se combinati con destrosio e maltodestrina per formare un dolcificante di marca Equal, le calorie e l’indice glicemico vengono aumentati in base agli ingredienti aggiunti.

Professionisti:

Contro:

Acesulfame K

Questo dolcificante artificiale viene utilizzato in una varietà di alimenti ed è circa 200 volte più dolce dello zucchero normale. Si trova spesso in miscela con altri dolcificanti, come l’aspartame. La miscelazione dei due aiuta a mascherare il sapore amaro che segue normalmente quando un dolcificante artificiale viene utilizzato da solo. Ciò che rende questo dolcificante un additivo a zero calorie è che non viene scomposto dall’organismo. Si differenzia anche dai suoi compagni dolcificanti in base al fatto che è stabile se riscaldato, quindi non perde la sua dolcezza. Viene utilizzato in molti prodotti, come bibite dietetiche, prodotti da forno, gomme da masticare e dentifricio.

Professionisti:

Contro:

Saccarina

Più comunemente disponibile come Sweet N ‘Low, visto in pacchetti rosa. È circa 300-400 volte più dolce dello zucchero normale, ma è noto per avere un retrogusto leggermente metallico. Per omettere questo retrogusto amaro viene spesso miscelato con altri edulcoranti ipocalorici. Non può essere scomposto dal corpo, lasciando così il corpo inalterato. I produttori amano molto questo dolcificante in particolare per la sua lunga durata. È usato in molte bibite dietetiche, caramelle a basso contenuto calorico, marmellate, gelatine e biscotti.

Professionisti:

Contro:

  • Non scomposto dal corpo
  • Amaro nel retrogusto

sucralosio

Usato da milioni di persone, questo dolcificante è comunemente noto come Splenda, che si trova nella confezione gialla. Il sucralosio è circa 600 volte più dolce dello zucchero normale. Simile all’aspartame, le persone che usano sucralosio hanno segnalato problemi come gonfiore, crampi ed eruzioni cutanee, tuttavia non gravi. Il sucralosio è generalmente privo di calorie, ma Splenda, un prodotto a base di sucralosio, contiene i carboidrati destrosio e maltodestrina portando il conteggio delle calorie fino a 3,36 calorie per grammo. Tuttavia, come molti altri dolcificanti, è necessario così poco che lo rende sostanzialmente un additivo a zero calorie.

Professionisti:

Contro:

  • Altamente controversi, alcuni studi suggeriscono effetti negativi sul metabolismo
  • Contiene carboidrati/zuccheri maltodestrine e destrosio
  • 3,36 calorie per grammo
  • Splenda contiene il 20% di zucchero non del tutto adatto ai diabetici
  • Segnalati problemi di gonfiore, crampi ed eruzioni cutanee.

Alcoli di zucchero

Gli alcoli di zucchero sono anche visti in una varietà di forme e sono ampiamente utilizzati tra i dietisti chetogenici. L’unico grande avvertimento sugli alcoli di zucchero è che possono causare problemi digestivi, alcuni più gravi di altri. Dal momento che non possono essere metabolizzati dal tuo corpo, finiscono per viaggiare nell’intestino dove possono causare sintomi come diarrea, gonfiore e crampi.

Eritritolo

L’eritritolo è ampiamente conosciuto da molti per creare un effetto rinfrescante in bocca dopo il consumo. È all’estremità inferiore delle calorie a 0,2 calorie per grammo ed è circa il 65% della dolcezza dello zucchero normale. Questo dolcificante è stabile al calore ed è un ingrediente importante nel dolcificante Truvia.

Professionisti:

Contro:

Xilitolo

Lo xilitolo è considerato naturale perché si trova in piccole quantità in molti frutti e verdure. Si trova più comunemente nelle gomme da masticare, nelle mentine, negli alimenti per diabetici e nei prodotti per l’igiene orale. Sebbene abbia un gusto simile allo zucchero normale, contiene il 40% in meno di calorie, 2,4 calorie per grammo e non ha retrogusto. Analogamente ad altri alcoli di zucchero, non viene digerito e quindi non presenta effetti collaterali negativi sui denti.

Professionisti:

Contro:

Malitolo

A volte indicato come dolcificante naturale, si trova nelle foglie di cicoria e più comunemente nelle Atkins Bar, ma è ancora prodotto artificialmente per l’uso quotidiano. È più spesso visto negli alimenti trasformati come sostituto dello zucchero. Poiché assorbe meno umidità dall’atmosfera, aiuta a mantenere umidi gli alimenti trasformati e può essere trovato anche nelle creme idratanti. Data la sua mancanza di effetto rinfrescante, è altamente desiderabile per gelati e prodotti a base di cioccolato.

Professionisti:

Contro:

Sorbitolo

Il sorbitolo non viene normalmente venduto da solo ma aggiunto ai prodotti alimentari attraverso la produzione. Può essere trovato naturalmente in alcuni frutti e nel corpo, ma è molto minimo. Si trova generalmente in gomme da masticare, caramelle dure, dentifricio e collutorio.

Professionisti:

Contro:

Isomalto-oligosaccaride (IMO)

L’IMO è un sostituto dello zucchero che può presentarsi sotto forma di sciroppo di fibre. È moderatamente dolce e può trovarsi naturalmente in alimenti come il miele, ma è normalmente prodotto per l’uso in prodotti da forno e barrette proteiche. Come molti dolcificanti artificiali, è resistente alla digestione, quindi povero di calorie. Tuttavia, è considerata una “fibra solubile” perché lo stomaco non è in grado di scomporre le molecole di glucosio e passa nel colon senza essere metabolizzato. Notizie recenti hanno portato alla luce che gli sciroppi IMO potrebbero non essere così privi di calorie come pensiamo ed è fuorviante per i produttori elencare l’intero contenuto di carboidrati dell’IMO come fibra alimentare.

Professionisti:

Contro:

  • Effetto lassativo
  • I produttori elencano l’intero contenuto di carboidrati di IMO come fibra alimentare
  • Non del tutto suddiviso per corpo

Dolcificanti naturali

Stevia

Sebbene la stevia che consumiamo regolarmente sia altamente lavorata, combinando diversi zuccheri, in realtà viene estratta dalla pianta Stevia rebaudiana. Le sue foglie sono tra le 15 e le 30 volte più dolci dello zucchero. Può essere venduto secco, in polvere o concentrato in forma liquida.

Professionisti:

Contro:

  • Retrogusto amaro per alcuni

Frutto del monaco:

Il frutto del monaco cresce nel sud-est asiatico e produce il dolcificante del frutto del monaco, che viene utilizzato come dolcificante naturale a zero calorie. Il gusto dell’estratto del frutto del monaco è preferito dalla maggior parte della stevia, tuttavia può essere molto costoso da ottenere da solo, quindi non così ampiamente utilizzato.

Professionisti:

Contro:

Il miglior sostituto dello zucchero: la Stevia!

Ci sono una varietà di opzioni tra cui scegliere quando si tratta di utilizzare un dolcificante sostitutivo nella dieta. Alcuni consigli che vorremmo suggerire sarebbero di rimanere cauti nell’usarli in grandi quantità. Molti possono avere effetti collaterali negativi mentre alcuni effetti collaterali sono ancora sconosciuti in relazione all’uso a lungo termine. È importante valutare le reazioni del tuo corpo e come ti regoli quando introduci un nuovo dolcificante sostitutivo. Se noti alcuni effetti collaterali negativi, è probabile che sia meglio ridurre il suo utilizzo.

Qualcosa da prendere in considerazione è come il consumo di questi dolcificanti sostitutivi può influenzare le tue voglie. Sono noti per aumentare il desiderio di dolci, quindi la moderazione è la chiave. Data la ricerca e gli studi che sono stati condotti su tutti i dolcificanti sostitutivi per quanto riguarda le calorie per grammo, la dolcezza, l’impatto sul livello di zucchero nel sangue, il gusto e l’uso in cucina e al forno, Stevia esce in cima come il miglior dolcificante sostitutivo. Se non fosse per il costo elevato dei frutti del monaco, considereremmo il frutto del monaco il miglior dolcificante sostitutivo. È probabile, tuttavia, che nei prossimi anni vedremo emergere sempre di più il frutto del monaco nel suo uso negli alimenti.

Esaminiamo tutte le informazioni discusse in questo post del blog nel seguente video. Diamo anche alcune informazioni su quali sostituti dello zucchero utilizziamo quotidianamente nella nostra cucina e cottura.

In sintesi

La migliore combinazione di dolcificanti per una dieta chetogenica sono stevia ed eritritolo. La Stevia è un dolcificante liquido concentrato che viene utilizzato in piccole quantità per aggiungere molta dolcezza alle ricette. L’eritritolo è un dolcificante granulare che può essere utilizzato al posto dello zucchero per aggiungere volume e dolcezza alle ricette.