Il fumo è diffuso nella nostra società. Puoi vedere qualcuno che accende una sigaretta a quasi ogni angolo di strada. Che sia al posto della colazione al mattino, mentre si va al lavoro o durante una pausa, chi inizia a fumare tende a farlo sempre più spesso senza nemmeno accorgersene. Sta iniziando a diventare normale, un’abitudine. Una rapida presa nella borsa ed è nella tua bocca. Gli effetti negativi non erano noti in passato, ma non è più così. Tuttavia, molti di noi prendono una sigaretta più volte al giorno. Quanto è davvero pericoloso?

Di cosa sono fatte le sigarette?

Se chiedi a qualcuno per strada cosa c’è esattamente nella sua sigaretta, la risposta è di solito la nicotina. Oltre alla sua presenza nelle sigarette, la nicotina è anche usata come insetticida.

Ma non è tutto ciò che è nascosto nella sostanza poco appariscente che crea dipendenza! Sono presenti anche sostanze cancerogene come naftilamina, cadmio, uretano, dibenzacridina, polonio e cloruro di vinile oltre a sostanze altamente tossiche come l’arsenico. Nelle sigarette si trovano anche sostanze come ammoniaca, metanolo, acetone e toluene.

Oltre all’acido cianidrico si trovano anche insetticidi come il DDT e repellenti per le tarme, il naftalene. In parole povere: un vero cocktail di veleno.

Che impatto hanno?

Quando si fuma, la quantità di nicotina contenuta non è sufficiente per avvelenamento pericoloso per la vita. Tuttavia, la nicotina è un veleno molto forte, che gradualmente ci infligge sempre più danni. Di solito lo notiamo solo quando è già troppo tardi. Tuttavia, ingerire o mangiare tabacco può essere fatale. I bambini, soprattutto i bambini piccoli, sono particolarmente a rischio.

Le malattie cardiovascolari sono noti effetti collaterali del fumo. Il danno ai vasi sanguigni e la loro calcificazione promossa non solo peggiora il contenuto di ossigeno nel sangue, ma anche la circolazione sanguigna. Ciò porta a un drastico deterioramento dell’apporto di ossigeno agli organi. Le conseguenze di ciò sono, ad esempio, ictus, disturbi circolatori generali o persino un infarto.

Inoltre, le persone che fumano regolarmente o sono esposte ai fumi, cioè i fumatori passivi, per così dire, invecchiano molto più velocemente. In genere, la pelle tende a incurvarsi e le rughe compaiono prima. Anche i denti e la punta delle dita gialli sono un segno dell’uso di nicotina. Inoltre, c’è un sistema immunitario generalmente più debole, che può essere già un problema in età avanzata.

Le più note, però, sono probabilmente le malattie dei polmoni, chiaramente promosse dal fumo. Il rischio di sviluppare il cancro ai polmoni a causa del consumo di tabacco è significativamente più alto di quello dei non fumatori. Anche il fumo passivo è un vero problema, inoltre è più probabile che si manifesti bronchite ostruttiva cronica, poiché le sostanze inquinanti contenute nella sigaretta compromettono l’autopulizia dei bronchi con l’aiuto delle loro ciglia e quindi l’infiammazione si sviluppa più rapidamente e facilmente .

Un altro fattore che il fumo può influenzare è il metabolismo degli zuccheri. Come risultato di studi, il consumo di sigarette ha un impatto significativamente negativo sulla sensibilità all’insulina delle cellule, determinando un rischio significativamente più elevato di diabete di tipo 2.

C’è anche infiammazione e danni alle gengive e ai denti. È più probabile che si verifichi la carie, i denti diventano giallastri e spesso cadono. Le gengive, d’altra parte, sono scarsamente irrorate di sangue, il che spesso provoca carie o infiammazioni.

Oltre agli effetti collaterali citati, esistono altre forme di cancro che colpiscono il fegato, i reni o, ad esempio, il pancreas.

Il fumo è particolarmente dannoso per il feto durante la gravidanza. Si osserva un aumento significativo del tasso di malformazioni e della mortalità. Nascite premature, aborti spontanei e nati morti non sono rari. In generale, i neonati spesso soffrono di uno sviluppo alterato e hanno un rischio significativamente maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari, cancerose o respiratorie.

Il fumo influisce sulla chetosi?

Con la dieta chetogenica, i carboidrati si riducono a meno di 50 g al giorno, mentre l’assunzione di grassi aumenta drasticamente e si osserva un consumo moderato di proteine. Questo è essenziale per entrare in chetosi e quindi mantenerla.

All’inizio, le riserve di carboidrati rimanenti vengono svuotate fino a quando il corpo non deve imparare a convertire efficacemente i grassi in chetoni e usarli per produrre energia. Una volta raggiunto questo stato metabolico del metabolismo dei grassi, sei nella chetosi desiderata. Il processo è simile a quello che si verifica durante il digiuno prolungato. In origine, il meccanismo di protezione del corpo era quello di ottenere energia dalle sue riserve di grasso per superare i momenti difficili.

Oggi, la dieta chetogenica si basa proprio su questo principio per aiutare le persone a sentirsi meglio con la vita e a bruciare i grassi più facilmente. Quest’ultimo può aiutare a perdere i chili di troppo in modo permanente o mantenere la figura in modo semplice. Ci sono anche innumerevoli altri vantaggi, come il miglioramento delle capacità cognitive o livelli di energia costanti.

Come accennato in precedenza, l’uso del tabacco influisce sulla sensibilità all’insulina delle cellule e può portare a resistenza, che può avere conseguenze pericolose per la vita. Questo può essere un problema serio con una dieta tradizionale in cui carboidrati e zucchero costituiscono gran parte dell’assunzione di nutrienti.

Tuttavia, poiché la dieta chetogenica si basa sul metabolismo dei grassi per l’energia piuttosto che sul metabolismo degli zuccheri, il fumo non influisce molto sull’assorbimento dei nutrienti. Finora non è stato scoperto alcun legame tra chetosi e consumo di tabacco. Questo non è quindi influenzato da quest’ultimo, il che significa che fumare durante una dieta chetogenica non è un problema.

L’unica cosa in cui fumare può diventare una proposta piuttosto scomoda è nelle prime fasi della dieta chetogenica. La nausea e i sintomi generali dell’influenza cheto iniziale possono creare una sensazione spiacevole in bocca.

Conclusione

In conclusione, il fumo è associato a una miriade di effetti negativi che possono essere estremamente pericolosi per la vita. Il cocktail di veleno contenuto nelle sigarette probabilmente non sarebbe stato bevuto volontariamente. Tuttavia, molti di noi usano il tabacco e gradualmente si ammalano sempre di più.

Anche se la chetosi non è disturbata dal consumo di tabacco e i fumatori possono facilmente seguire una dieta chetogenica, è certamente sconsigliata. Se hai il coraggio di fare il passo verso una dieta migliore, perché non fare il passo verso una vita quotidiana senza tabacco?