Durante la fase di adattamento alla dieta chetogenica, potresti sentire l’influenza. Affaticamento, affaticamento, dolore addominale e vertigini sono sintomi comuni che possono manifestarsi i principianti con la dieta chetogenica, ma questi sintomi non provengono da un virus chetogenico o da una zanzara infetta. No, spieghiamo qui come succede, perché alcune persone sono meno sensibili e come puoi contrastare l’influenza cheto.

I sintomi dell’influenza cheto non sono nemmeno causati da chetosi, chetogenesi o influenza. L’influenza cheto è causata dalla reazione del corpo alla restrizione dei carboidrati.

La dieta chetogenica è una dieta a basso contenuto di carboidrati, moderata di proteine ​​e ricca di grassi che può aiutarti a perdere peso e mantenere la tua salute. Di solito il corpo brucia i carboidrati per produrre energia. Con la dieta chetogenica, rimuovi i carboidrati dalla tua dieta e alleni il corpo a bruciare i grassi.

Stare in uno stato brucia grassi porta molti benefici per la salute ed è ottimo per la perdita di peso sostenibile a lungo termine.

Tuttavia, il tuo corpo può impiegare una settimana o più per abituarsi a un cambiamento metabolico così ampio. Se stai iniziando il keto per la prima volta, potresti avere l’influenza cheto. Saranno alcuni giorni con sintomi simil-influenzali mentre il tuo corpo impara a passare dallo zucchero alla combustione dei grassi.

Tuttavia, ci sono alcuni semplici suggerimenti e trucchi per alleviare l’influenza cheto e persino prevenire del tutto l’influenza cheto. Ciò dipende anche dal rispettivo corpo.

I sintomi dell’influenza cheto

In media, l’influenza cheto dura circa una settimana e i sintomi di solito iniziano entro il primo giorno o due di limitazione dei carboidrati. In alcuni casi, l’influenza cheto può durare fino a un mese, ma non è così comune.

    In generale, i sintomi dell’influenza cheto sono:

  • Voglie di zucchero
  • Cervello annebbiato
  • Vertigini
  • Scarsa messa a fuoco e messa a fuoco
  • irritabilità
  • nausea
  • mal di stomaco
  • confusione
  • dolorante
  • crampi
  • insonnia

Ma non preoccuparti, potresti provare solo uno o due di questi sintomi o nessuno. I sintomi che si manifestano, la gravità dei sintomi e la durata dell’influenza cheto variano da persona a persona.

Quanto dura l’influenza cheto?

I sintomi di solito compaiono entro il primo giorno o due dopo l’inizio della nuova dieta. Tuttavia, i sintomi non dovrebbero durare più a lungo di alcuni giorni e scomparire una volta che il corpo si è adattato a bruciare i grassi come combustibile.

Una cosa da considerare: l’influenza cheto non è pericolosa e dura solo durante il passaggio alla chetosi prima che scompaia definitivamente. Se l’influenza cheto si ripete ancora e ancora, puoi entrare e uscire dalla chetosi. Controlla la tua dieta per i carboidrati nascosti e assicurati di monitorare i tuoi macronutrienti, specialmente durante il primo mese.

Perché alcune persone hanno l’influenza cheto?

Alcune persone sono più flessibili nel metabolismo di altre, possono facilmente passare dalla combustione del glucosio alla combustione dei grassi.

Tuttavia, se il tuo corpo non è così flessibile in termini di metabolismo, può darsi che tu abbia l’influenza cheto. Molte persone hanno la causa principale dell’influenza cheto è l’adattamento alla chetosi. Tuttavia, ci sono una serie di altri motivi per cui le persone ottengono l’influenza cheto o ragioni per cui i sintomi dell’influenza cheto sono più gravi.

Disidratazione / squilibrio elettrolitico

Quando mangi carboidrati, il corpo ne immagazzina alcuni come energia di riserva. Questi negozi sono come un fondo per l’energia di emergenza nel caso in cui rimanga senza cibo. Nei primi giorni della dieta cheto, il tuo corpo brucia tutte le riserve di carboidrati (riserve di glucosio). Solo quando le riserve di carboidrati sono esaurite il corpo entra in chetosi e inizia a bruciare i grassi.

I carboidrati hanno bisogno di molta acqua per la conservazione e, man mano che si rompono le riserve di carboidrati, si perde molta acqua. La maggior parte delle persone perde tra 1 e 4 kg di peso in acqua nelle prime settimane di chetosi.

Perdere così tanta acqua può facilmente portare a disidratazione. Con quest’acqua perdi anche elettroliti, che possono causare uno squilibrio elettrolitico. La disidratazione e gli squilibri elettrolitici sono spesso responsabili dell’affaticamento, del mal di testa e degli spasmi muscolari che si verificano durante l’influenza cheto.

Non mangi abbastanza all’inizio

All’inizio non si può essere abituati a seguire una dieta povera di carboidrati e ricca di grassi. È facile mangiare troppo nelle prime settimane della dieta cheto, il che può portare a una mancanza di energia e difficoltà di concentrazione. Se stai passando a una dieta chetogenica, non è il momento giusto per ridurre le calorie. Assicurati di mangiare molto cibo ricco di grassi.

    Mangiare molto

  • Carne grassa,
  • Burro,
  • Salmone,
  • Olio d’oliva,
  • Avocado,
  • Olio di cocco,
  • verdure fresche, ecc.

Dovresti dare al tuo corpo un sacco di grassi e proteine, specialmente nelle prime settimane della dieta cheto. Una volta entrato nella chetosi, se il tuo obiettivo è la perdita di peso, puoi ridurre l’apporto calorico. Ma dovresti mangiare molto per la transizione. Ciò faciliterà i sintomi di una possibile influenza cheto.

Cinque suggerimenti su come placare i sintomi di influenza cheto esistente

Se hai l’influenza cheto, questi passaggi ti aiuteranno a sbarazzartene più velocemente o almeno ad alleviare i sintomi.

1.Resta idratato

Bevi molta acqua all’inizio della transizione cheto. Perderai qualche chilo di peso d’acqua quando esaurisci le riserve di carboidrati e dovresti riempire quest’acqua per evitare la disidratazione. Quindi bere molta acqua durante il giorno per ridurre i sintomi come mal di testa, affaticamento e nausea.

Tieni una bottiglia d’acqua riutilizzabile vicino a te che è sempre piena in modo da poter bere ovunque tu sia. Bevi ogni volta che hai sete, o meglio PRIMA. Bevi la maggior parte dell’acqua durante il giorno in modo da non svegliarti nel cuore della notte per andare in bagno, perché anche il sonno è molto importante!

2. Riempie gli elettroliti

Il corpo non contiene acqua pura. Le cellule vengono bagnate in acqua salata, che contiene elettroliti come calcio, sodio, potassio e magnesio.

    Quando si perde tutto questo peso dell’acqua, i reni iniziano a espellere elettroliti. Di conseguenza, potresti riscontrare una carenza di elettroliti. Assicurati di riempirli rapidamente:

  • Integratore alimentare con magnesio. Semi di zucca, avocado, spinaci cotti, anacardi, ippoglosso, salmone, cioccolato fondente e noci di macadamia sono alcune delle ricche fonti di magnesio.
  • Aumenta l’assunzione di sodio. Ciò contribuirà a contrastare la perdita d’acqua che si verifica quando si inizia una dieta cheto. Salare il cibo più forte. Non devi preoccuparti che aumenterà la pressione sanguigna, perché se stai seguendo una dieta a basso contenuto di carboidrati, l’insulina rimarrà stabile e bassa, il che è un segnale per i tuoi reni di espellere continuamente il sodio.
  • Mangia cibi cheto ricchi di potassio. Il potassio è un altro minerale importante. Questo elettrolita è coinvolto nella regolazione del battito cardiaco, degli spasmi muscolari, della produzione di energia, del controllo della vescica e della temperatura corporea. Se riscontri problemi in queste aree, prendi in considerazione l’aggiunta di cibi ricchi di potassio come i cavoletti di Bruxelles, i semi di zucca, l’avocado, i funghi e le zucchine al tuo programma di pasti cheto.
  • Mangia cibi cheto ricchi di calcio. Le verdure a foglia verde, i broccoli, i semi di chia, il salmone e le sardine sono ricchi di calcio. E la salute delle ossa non è l’unico lavoro del calcio. È anche vitale per la coagulazione del sangue, le contrazioni muscolari e la buona salute cardiovascolare.
  • Prendi un integratore di elettroliti. Se hai bisogno di un rapido sollievo immediato, l’assunzione di un integratore di elettroliti ti aiuterà a reintegrare i tuoi valori più velocemente di quanto sia possibile con il cibo. Un buon integratore che funziona decisamente contro l’influenza keto è Keto Direct.

Puoi trovare maggiori informazioni al riguardo nei nostri articoli sul blog Integratori alimentari e Macronutrienti e Micronutrienti.

3. Aumenta il consumo di grassi

Dal momento che il tuo corpo non riceve più energia dai carboidrati e dallo zucchero, ha bisogno di molti grassi come combustibile.

Ciò significa che devi assicurarti che le calorie che hai usato per ottenere dai carboidrati vengano parzialmente sostituite mangiando molti grassi cheto-compatibili.

    Alcune buone fonti di cheto grasso sono:

  • Crema pesante
  • Burro o Ghi
  • Olio di cocco
  • Uova
  • Olio MCT
  • Burro di cacao
  • olio di palma
  • Avocado e olio di avocado
  • Olio extravergine d’oliva
  • Grasso d’oca
  • Pecan, noci di macadamia e noci
  • Strutto e pancetta
  • Semi di lino, semi di sesamo e chia
  • Pesce grasso

L’integrazione con olio MCT può aiutarti a superare l’influenza chetonica aumentando i livelli di chetoni, il che può rendere meno scomodo il passaggio da carboidrati a grassi.

4. Prendi i chetoni esogeni

Tieni presente che uno dei motivi dell’influenza cheto potrebbe essere che il tuo corpo sta cercando di produrre chetoni (dai grassi) e di usarli per produrre energia, ma non è ancora completo.

Un modo per alleviare i sintomi dell’influenza cheto è aggiungere chetoni esogeni alla routine mattutina. Queste molecole di energia sono gli stessi corpi chetonici sotto forma di integratori alimentari che il tuo corpo produce in modo naturale.

Un integratore chetonico esogeno inonda il tuo sistema di chetoni, quindi puoi sfruttare alcuni dei benefici della chetosi prima di esaurire le riserve di glicogeno.

5. Movimento

Le tue prestazioni di allenamento possono soffrire temporaneamente quando il corpo si abitua ad aumentare i grassi e ridurre l’assunzione di carboidrati. Anche se è improbabile che tu stabilisca un record personale durante questo periodo, ciò non significa che dovresti rimanere a letto!

Se ti alleni leggermente 2-3 volte a settimana, puoi bruciare i carboidrati più rapidamente e aumentare la flessibilità metabolica, il che aiuta ad alleviare i sintomi dell’influenza cheto più rapidamente.

L’esercizio aerobico a bassa intensità come camminare, nuotare o yoga è una buona scelta durante una transizione cheto. Allenamenti pesanti, CrossFit e altri esercizi intensi possono essere difficili fino a quando non si è in chetosi.

Conclusione

L’influenza cheto si verifica, ma è solo temporanea. Usa i suggerimenti sopra per alleviare i sintomi e persino evitare del tutto l’influenza cheto. Ricorda anche che i sintomi simil-influenzali si attenuano quando li avverti. Dai tutto il tempo.

Quando la parte difficile è finita, puoi aspettarti la perdita di peso, più energia, chiarezza mentale e tutti gli altri benefici della chetosi.

Ricorda anche di dormire quanto più possibile durante le fasi iniziali della dieta chetogenica.
Almeno sette ore di sonno a notte sono importanti per tutti e ancora più importanti per Keto Dieter. Un sacco di sonno aiuta a ridurre lo stress e la fatica.

E il modo più semplice per evitare effetti collaterali quando si inizia il cheto è assumere i giusti integratori fin dall’inizio. La dieta chetogenicadovrebbe essere basata su cibi integrali sani, ma gli integratori alimentari possono aiutare a colmare eventuali lacune nutrizionali e semplificare la vita, soprattutto all’inizio!