Il formaggio è disponibile in un’ampia varietà di forme, come crema o formaggio a pasta dura, ce n’è per quasi tutti i gusti. È parte integrante di molti piatti, soprattutto della cucina italiana, i più noti dei quali sono probabilmente pizza e pasta. Anche nella dieta chetogenica, con l’ausilio di tipi di farina particolarmente adatti, si può gustare ad esempio una pizza sulla quale viene solitamente spolverato il formaggio. Ma va bene usare il formaggio quando si cerca di diventare chetogenici? Dovresti stare attento con molti latticini a causa del loro contenuto di zucchero. Questo non è estremamente alto, ma puoi superare rapidamente il tuo limite giornaliero di carboidrati se non presti molta attenzione alle porzioni.

Come si fa il formaggio?

Il formaggio si forma naturalmente quando i componenti solidi del latte, proteine, grassi, lattosio e minerali, si separano. Questo accade quando il latte diventa acido. Questo processo naturale è accelerato solo per la produzione di formaggio. In primo luogo, il latte viene filtrato, cioè filtrato e pastorizzato, tranne nel caso della produzione di formaggio a latte crudo. Il latte viene poi scremato e poi un certo contenuto di grasso viene aggiustato con la panna. Successivamente il composto deve essere prematurato con fermenti lattici. Viene poi coagulato con caglio, una miscela degli enzimi chimosina e pepsina. Questo è chiamato “ispessimento”. Questa parte dura da 30 minuti a diverse ore, a seconda del tipo di formaggio che si desidera. Il “grosso” emerge. Non appena il “grosso” ha la consistenza necessaria, viene diviso in pezzi aiutandosi con un’arpa da formaggio. Più grandi sono i pezzi, meno siero si separerà e più morbido sarà il prodotto finale. Quando la ‘cagliata’ risultante ha raggiunto la giusta consistenza, viene riempita nello stampo specifico per il tipo di formaggio e il resto del siero viene separato sgocciolando, pressando e girando. Ad eccezione della crema di formaggio, ogni tipo di formaggio viene poi messo in salamoia per prevenire batteri nocivi e favorire la formazione della crosta. Infine, il formaggio deve stagionare. In questa fase finale, che può durare settimane o mesi, il formaggio viene rifinito e affinato.

gruppi di formaggi

Ci sono molti diversi tipi di formaggio. Ogni paese ha le sue regole quando si tratta di raggruppare i formaggi. In Germania esistono 6 gruppi di formaggi, suddivisi in base al contenuto d’acqua della massa casearia magra, in modo da classificare le oltre 1000 diverse specialità. Dal formaggio di capra al camembert e dal formaggio a pasta dura al formaggio erborinato, ce n’è per quasi tutti i gusti.

Ecco una panoramica dei gruppi di formaggi (in Germania):

  • crema di formaggio
  • formaggio a latte acido
  • formaggio morbido
  • Formaggio semiduro
  • tagliare il formaggio
  • formaggio stagionato

Formaggio nella dieta chetogenica

I valori nutrizionali del formaggio dipendono molto dalla varietà specifica. Il cheddar, ad esempio, contiene 33 g di grassi e 25 g di proteine ​​ogni 100 g con un contenuto di carboidrati di soli 1,3 g. La crema di formaggio, d’altra parte, ha 24 g di grassi in meno per 100 g rispetto al cheddar e ha anche un po’ meno di proteine. Quando si tratta di carboidrati, tuttavia, la crema di formaggio ha un po’ più del cheddar a 2,5 g. Nonostante le somiglianze, i valori nutrizionali delle diverse specie non sono esattamente gli stessi. Ci sono anche molti prodotti caseari a basso contenuto di grassi nella gamma in questi giorni. Poiché l’assunzione di grassi è di grande importanza in una dieta chetogenica, ha senso optare per un’opzione ricca di grassi. Per questo motivo, il formaggio magro è usato raramente nella vita quotidiana chetogenica.

Quando mangi il formaggio, dovresti anche prestare attenzione alla quantità che mangi. Il formaggio di solito ha molte calorie a causa del suo alto contenuto di grassi. Nel caso di una dieta chetogenica, dovresti anche assicurarti di mangiare piccole porzioni. Altrimenti rischi di non avere il deficit calorico che desideri.

Chi è intollerante al lattosio può avere difficoltà a digerire alcuni tipi di formaggio. Ciò è dovuto allo zucchero del latte che è ancora presente. Tuttavia, ci sono anche opzioni senza lattosio qui. I formaggi a pasta dura e semidura sono naturalmente quasi privi di lattosio. Ciò è spiegato dal fatto che il lattosio viene convertito in acido lattico durante il processo di maturazione. Poiché i formaggi a pasta dura e semidura hanno una stagionatura molto lunga, non contengono praticamente lattosio. Di solito puoi vederlo sull’etichetta, che afferma che non ci sono carboidrati, cioè nessun lattosio. A meno che l’amido non sia stato sepolto, questo si riflette anche nel contenuto di carboidrati. Pertanto, anche le persone intolleranti al lattosio possono gustare il formaggio con una dieta chetogenica.

Il formaggio crea dipendenza?

Come il cioccolato, il formaggio innesca sentimenti di felicità. Contiene caseina (una proteina) da cui si formano le casomorfine. La casomorfina ha un effetto simile alla morfina ed è quindi considerata un antidolorifico e leggermente anestetico. Inoltre, il formaggio è una delle sostanze in grado di attraversare la barriera ematoencefalica e quindi arrivare direttamente al cervello. Queste sostanze includono, ad esempio, droghe e alcol. Nel cervello, il formaggio stimola quindi gli stessi recettori della cocaina o dell’eroina, innescando il piacere. Per questo motivo, tendiamo a voler mangiare sempre più formaggio, motivo per cui il formaggio può facilmente creare dipendenza. Ma anche se le casomorfine contenute hanno un effetto rilassante su di noi, non sono affatto forti come le droghe. Se il formaggio fosse antidolorifico come la morfina, ad esempio, avresti bisogno di una ricetta. In questo modo puoi goderti il ​​formaggio senza preoccuparti di diventarne davvero dipendenti. Si consiglia comunque di limitare un po’ il consumo, soprattutto se si è a dieta. Altrimenti tendi a mangiarne troppo.

Conclusione

Il formaggio non è affatto fuori posto nella dieta chetogenica. Tuttavia, il consumo eccessivo dovrebbe essere evitato, poiché il formaggio non solo contiene molte calorie, ma può anche creare facilmente dipendenza in grandi quantità. Quindi dovresti stare attento, soprattutto in una dieta, a limitare il consumo. Poiché alcuni formaggi contengono anche alcuni carboidrati, non dovresti trascurarlo nemmeno in una dieta chetogenica. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, il contenuto di carboidrati è molto limitato rispetto ad altri prodotti lattiero-caseari. Alcune varietà non contengono nemmeno carboidrati. Altrimenti, il formaggio offre un’opzione varia, deliziosa e, in termini di valore nutritivo, per la vita quotidiana chetogenica.