Splenda è un dolcificante molto controverso. Alcuni dietisti cheto lo adorano, mentre altri stanno alla larga. Ma Splenda è keto ed è davvero salutare?

Questa guida risponderà a tutte le tue domande su Splenda. Analizzeremo più studi per scoprire se è una buona opzione su cheto.

Puoi avere Splenda su Keto?

Splenda è un’azienda che produce dolcificanti utilizzando sucralosio, maltodestrina e destrosio. Un pacchetto contiene un grammo di carboidrati, quindi non influirà sulla chetosi.

Tuttavia, ci sono alcune preoccupazioni di cui tenere conto.

La ricerca mostra che la maltodestrina in Splenda aumenta i livelli di zucchero nel sangue e di insulina a causa del punteggio GI o dell’indice glicemico di 110.

Fortunatamente, Splenda è 600 volte più dolce dello zucchero, quindi non ne serve molto. Se lo consumi in piccole quantità, gli svantaggi per la salute sono minimi e non dovrai preoccuparti di ostacolare la chetosi o la perdita di peso.

Quanti carboidrati ci sono davvero in Splenda?

Un pacchetto di Splenda ha un grammo di carboidrati totali e tre calorie. Ma ne hai bisogno solo un po ‘perché è così dolce, rendendolo praticamente un dolcificante a zero calorie e zero carboidrati.

È necessario limitare l’assunzione di carboidrati a meno di 30 grammi per mantenere la chetosi. Quindi, dal punto di vista dei macronutrienti, potrebbe sembrare che tu possa avere tutto lo Splenda che desideri.

Questo non è il caso. La ricerca dimostra che Splenda danneggia il microbioma intestinale, che influisce direttamente sulla perdita di peso. Se stai lottando per perdere peso, ma la tua dieta cheto è perfetta, prova a rimuovere Splenda e altri dolcificanti artificiali.

Il sucralosio può anche produrre sottoprodotti nocivi se esposto a temperature elevate. Quindi suggerisco di evitarlo durante la cottura e la cottura e di usarlo solo per addolcire bevande fredde.

Dolcificanti Keto Friendly

Prova questi dolcificanti dietetici chetogenici perché sono molto più sani e gustosi di Splenda:

  • Eritritolo
  • Dolcificante alla frutta del monaco
  • Allulosio
  • Stevia
  • Inulina

Eritritolo

Il nostro dolcificante cheto è l’eritritolo granulare. Il tuo corpo non lo metabolizza, quindi puoi goderti questo gustoso dolcificante senza interferire con la chetosi.

Se stai cercando di perdere peso, sarai felice di sapere che un cucchiaino ha una caloria, quindi non bloccherà la perdita di peso.

A differenza di Splenda, l’eritritolo è anche stabile al calore, il che lo rende perfetto per cucinare e cuocere al forno.

Suggerirei di macinare il tuo eritritolo o di acquistare la versione in polvere se stai preparando dessert surgelati come la cheesecake. Questo perché i granuli rimangono interi e li addenterai, conferendo ai dessert una consistenza croccante indesiderata.

Professionisti

  • Ha zero calorie e carboidrati
  • Il punteggio GI è uno
  • I nostri corpi non possono assorbirlo, quindi viene escreto nelle urine
  • È stabile al calore
  • Migliora la tua salute orale

Contro

  • Può causare crampi e gonfiore se sei sensibile agli alcoli di zucchero
  • L’eritritolo non è approvato dalla FDA

Dolcificante alla frutta del monaco

Se non sei un grande fan dei dolcificanti artificiali e degli alcoli di zucchero, opta per il dolcificante biologico alla frutta del monaco.

Il frutto del monaco ha zero carboidrati e calorie, quindi puoi mangiarne quanto vuoi.

La particolarità del frutto del monaco è che contiene mogrosidi, che sono potenti antiossidanti che riducono l’infiammazione.

L’unico inconveniente è il gusto. Il frutto del monaco non ha il sapore dello zucchero normale. Invece, ha un retrogusto di liquirizia a cui dovrai abituarti.

Mi piace combinare dolcificante alla frutta di monaco ed eritritolo quando preparo i dolci. Si completano bene a vicenda perché il retrogusto è meno intenso e non otterrai il gonfiore, il gas e la diarrea associati all’eritritolo.

Professionisti

  • È naturale al 100%.
  • Il contenuto di mogrosidi combatte l’infiammazione
  • È un dolcificante a zero calorie
  • È 300 volte più dolce dello zucchero
  • Le persone con diabete possono usarlo

Contro

  • Il retrogusto richiede un po’ di tempo per abituarsi
  • È piuttosto costoso

Allulosio

L’allulosio è simile allo zucchero a livello molecolare poiché entrambi sono monosaccaridi. Ciò conferisce allo zucchero da tavola e allulosio un sapore simile. Puoi scambiare lo zucchero con l’allulosio in quantità uguali quando monti i dessert cheto.

Tuttavia, il modo in cui influisce sul tuo corpo è completamente diverso dallo zucchero.

L’allulosio contiene quattro grammi di carboidrati per cucchiaino, ma questi sono carboidrati netti poiché il tuo corpo non li assorbe.

L’allulosio nutre anche i batteri buoni nello stomaco e promuove la sensibilità all’insulina. Quindi, se stai cercando un’alternativa più sana a Splenda, prova l’allulosio.

Professionisti

  • Il tuo corpo espelle il 70 percento di allulosio
  • Ha il sapore dello zucchero da tavola
  • Riduci la resistenza all’insulina
  • È una buona opzione per i diabetici
  • Ci sono solo due calorie per cucchiaino

Contro

  • Ha un effetto lassativo

Stevia

La stevia è un altro grande sì su cheto perché un cucchiaino contiene un grammo di carboidrati. Il conteggio delle calorie è zero, quindi non dovrai limitare il consumo quando cerchi di perdere peso.

Insieme al frutto del monaco e all’eritritolo, la stevia è il mio dolcificante preferito. Non influisce sulla glicemia e ha lo stesso sapore dello zucchero da tavola.

Ma i marchi stanno iniziando ad aggiungere maltodestrine ai loro dolcificanti con stevia e tu vuoi evitarlo. La maltodestrina ha un GI di 110, che è il doppio dello zucchero. Quindi, quando fai la spesa, mantieni stevia al 100%.

Professionisti

  • Non ha calorie e un grammo di carboidrati per cucchiaino
  • Puoi usarlo per cuocere e cucinare
  • Si presenta in forma liquida, in polvere e granulare
  • Stabilizza la glicemia
  • Migliora la tua salute orale

Contro

  • La maggior parte dei prodotti a base di stevia contiene maltodestrina
  • Ha un retrogusto amaro

Inulina

L’inulina è una delle fibre più fermentescibili che possiamo consumare, rendendola utile con il cheto.

A differenza di Splenda, l’inulina nutre i batteri buoni nell’intestino, aiutandoli ad assorbire i nutrienti e combattere le infezioni.

L’inulina è particolarmente utile per i diabetici. I documenti medici mostrano che abbassa i livelli di zucchero nel sangue e promuove la sensibilità all’insulina.

Professionisti

  • L’inulina ti aiuta ad assorbire i nutrienti
  • Nutre i batteri buoni nell’intestino
  • Riduce la resistenza all’insulina
  • La fibra allevia la stitichezza

Contro

  • È 10 volte meno dolce dello zucchero

Dolcificanti da evitare su Keto

Non tutti i dolcificanti alternativi sono keto-friendly, quindi evita queste opzioni:

  • Maltitolo
  • Aspartame
  • Xilitolo
  • Tesoro
  • Zucchero di cocco

Maltitolo

Il maltitolo è il peggior alcol zuccherino da consumare con il cheto perché ha un IG di 52, leggermente al di sotto del punteggio dello zucchero da tavola di 62.

Questo è pericoloso se hai il diabete. Il maltitolo innesca la resistenza all’insulina, che porta all’obesità e alle malattie cardiache.

Troverai il maltitolo in molti cosiddetti snack “keto” poiché sa di zucchero ed è economico. Quindi è essenziale leggere l’etichetta prima di acquistare caramelle e cioccolatini cheto.

Aspartame

L’aspartame è un altro dolcificante artificiale nella maggior parte dei prodotti senza zucchero come la soda e il cioccolato. Tuttavia, l’aspartame è piuttosto pericoloso, soprattutto se ne sei sensibile.

Numerosi studi ben documentati collegano l’aspartame a problemi cronici come:

  • Diabete di tipo 2
  • Steatosi epatica non alcolica
  • Malattia del cuore
  • Tumori correlati agli ormoni

Quindi, sebbene tu possa consumare l’aspartame senza interferire con la chetosi, ha effetti dannosi sul tuo corpo.

Xilitolo

Lo xilitolo non innesca l’infiammazione né sconvolge il microbioma intestinale, ma evitalo o limitane il consumo perché i nostri test mostrano che aumenta i livelli di glucosio.

Lo xilitolo ha un punteggio GI di sette, che non è molto, ma interferirà comunque con la chetosi, soprattutto se stai preparando dolci e ne mangi in quantità elevate.

È anche denso di calorie, contenente 20 calorie per cucchiaino. Quindi considera gli edulcoranti a basso contenuto calorico quando cerchi di perdere peso.

Tesoro

Il miele può sembrare innocente e sano. Ma come lo sciroppo d’acero e il nettare di agave, il contenuto di carboidrati è alto, arrivando a 17 grammi di carboidrati per cucchiaio. Il punteggio GI è 58, quindi aumenta la glicemia e l’insulina, rendendolo poco pratico per i diabetici.

I documenti medici mostrano che il fruttosio nel miele va al tuo fegato più velocemente di altri dolcificanti. Ciò significa che è facile per il tuo corpo convertire il miele in grasso.

La buona notizia per tutti gli amanti del miele è che puoi preparare il tuo miele keto a casa con una manciata di ingredienti. Questi includono gomma di xantano, acqua, un sostituto dello zucchero di canna e un po’ di estratto di miele.

Tutto quello che devi fare è aggiungere questi ingredienti in una pentola a fuoco basso e continuare a sbattere fino a quando non diventa denso.

Zucchero di cocco

Lo zucchero di cocco è diventato popolare di recente come sana alternativa allo zucchero da tavola. È dolce e facile da cucinare. Molte nuove persone a dieta cheto pensano che, poiché l’olio di cocco è un tale superalimento, lo zucchero di cocco dovrebbe andare bene.

Tuttavia, non è keto-friendly. Lo zucchero di cocco ha un punteggio GI simile allo zucchero normale e anche il conteggio delle calorie è alto. Quindi suggerirei di evitare lo zucchero di cocco sul cheto.

Dimmi il miglior dolcificante cheto

I migliori dolcificanti cheto sono l’eritritolo, l’allulosio, la stevia e il frutto del monaco. Altri dolcificanti “sani” potrebbero non inibire la chetosi, ma provocano il caos nel tuo corpo.

Ad esempio, il maltitolo ha un punteggio GI di 52. E gli studi collegano l’aspartame al cancro, alle malattie cardiache e al diabete di tipo 2.

Con eritritolo, stevia, frutto del monaco e allulosio, non dovrai preoccuparti degli effetti collaterali negativi.

Considerazioni finali su Splenda Keto

Sebbene Splenda sia un dolcificante keto-friendly, contiene maltodestrina e altre sostanze pericolose che aumentano la glicemia e l’insulina mentre innescano l’infiammazione. È anche instabile a temperature elevate che possono produrre sottoprodotti indesiderati.

I dolcificanti multipli come l’eritritolo e la stevia sono molto più sani e gustosi di Splenda.

Quindi, se avete a casa dei pacchetti di Splenda, finitelo perché non è dannoso come lo zucchero da tavola o il maltitolo. Ma quando vai a fare la spesa, opta per un dolcificante naturale come l’eritritolo, la stevia, l’allulosio o il frutto del monaco perché sono migliori dolcificanti a tutto tondo.