Il legame tra dieta e depressione

La scienza ha dimostrato che l’alimentazione è un fattore molto sottovalutato che può migliorare significativamente alcuni disturbi mentali. Ora ci sono numerose indicazioni che la nutrizione è importante tanto per la salute mentale quanto per la salute fisica. Ciò che metti in bocca può avere un impatto significativo sul tuo cervello e sulla tua salute mentale.

Analisi di ricerca che esaminano diversi studi confermano che esiste un legame tra dieta e rischio di depressione. Ad esempio, è stato dimostrato che lo zucchero aumenta la depressione in tre modi diversi:

aumentando l’infiammazione,

influenzando la dopamina neurochimica, che è la “ricompensa del cervello” e

riducendo la produzione di BDNF del cervello

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo sono affette da depressione. Gli antidepressivi sono generalmente la prima linea di trattamento. La ricerca mostra che il 30% delle persone depresse non risponde ai farmaci e il 70% delle persone che rispondono ad esso non raggiunge mai la remissione completa. Le persone sono alla ricerca di soluzioni alternative per aiutare con la depressione.

Come la dieta chetogenica può aiutare il tuo umore generale

Stabilizza il tuo livello di energia

Se sei abituato a mangiare farina d’avena a colazione e un panino a pranzo, probabilmente hai familiarità con livelli di energia e bassi. Gli alimenti ricchi di carboidrati causano picchi rapidi di zucchero nel sangue e rapidi cali. Il tuo umore è influenzato da incidenti energetici e questo può renderti depresso e ansioso. Quando il livello di zucchero nel sangue inizia a calare, il tuo cervello va nel panico. Questa risposta allo stress può causare depressione o ansia. Uno studio ha scoperto che i diabetici con livelli di zucchero nel sangue fluttuanti avevano tassi di depressione più elevati rispetto ai pazienti con livelli di zucchero nel sangue più stabili.

I chetoni sono una fonte istantanea di energia per il tuo cervello perché metabolizzano più velocemente del glucosio. I chetoni forniscono una fonte di energia più duratura e più stabile e poiché il tuo corpo sa che può usare i tuoi depositi di grasso per il carburante, il tuo cervello non si farà prendere dal panico perché potrebbe pensare che ti mancherà il cibo.

Meno infiammazione

Quando passi al cheto, consumi molto meno, o no, alimenti trasformati come pane, cereali e pasta che causano infiammazione perché danneggiano l’intestino. Invece, riempi i tuoi piatti con fonti proteiche sane, grassi nutrienti e verdure fresche che guariscono l’intestino e alleviano l’infiammazione. Uno studio ha scoperto che le persone di mezza età che hanno mangiato una dieta sana, definita come verdure, pesce, carne e frutta al pascolo, avevano meno probabilità di essere diagnosticata la depressione rispetto alle persone che mangiavano alimenti trasformati (cibi fritti, dolci zuccherati e cereali commercializzati) ).

La dieta chetogenica ti fa mangiare prodotti freschi. Motiva le persone a diventare più consapevoli di come si procurano, preparano e mangiano il loro cibo, e questo si traduce in una transizione verso una dieta nutriente e reale.

Mangiare cibi anti-infiammatori influenza direttamente il tuo umore. Gli studi mostrano una connessione tra infiammazione e depressione:

Le persone depresse hanno un livello più elevato di molecole infiammatorie di citochine che il corpo rilascia in risposta all’infiammazione.

Le persone con cancro o malattie autoimmuni hanno un più alto tasso di depressione. Mentre è noto che la malattia può farti sentire depresso, gli scienziati dicono che la ragione probabile è il legame tra depressione e infiammazione.

La dieta chetogenica promuove la neurogenesi

La dieta chetogenica può aumentare il tasso di neurogenesi (la frequenza con cui si formano nuove cellule cerebrali). Perché è importante per l’umore generale?

Un basso tasso di neurogenesi è associato a problemi con l’umore, inclusa la depressione. D’altra parte, un tasso più elevato aumenta la capacità di recupero emotivo. La dieta svolge un ruolo chiave nel determinare il tasso di neurogenesi. Alcuni cibi li rallentano mentre altri li accelerano. Una dieta ricca di zuccheri (l’opposto della dieta chetogenica) rallenta questo ritmo perché aumenta il livello di insulina nel sangue. Troppa insulina peggiora la funzione di tutti gli organi, incluso il cervello. Uno studio sui ratti ha mostrato che coloro che erano stati nutriti con una dieta ricca di zuccheri con grassi ossidati (danneggiati) soffrivano di compromissione della funzione cognitiva dopo solo due mesi. L’area del cervello più colpita era l’ippocampo, dove ha luogo la neurogenesi.

Le persone depresse tendono ad avere un basso livello di fattore neurotrofico (BDNF) nel cervello. BDNF è una proteina prodotta nelle cellule nervose. È un fertilizzante che aiuta il cervello a funzionare in modo ottimale, crescere e formare più nuovi neuroni. È stato dimostrato che l’uso di antidepressivi aumenta la neurogenesi nell’ippocampo, che per alcune persone può essere la chiave del loro successo di recupero. Come con i farmaci, le diete chetogeniche hanno dimostrato di aumentare la neurogenesi. Questo può essere il motivo per cui ha un effetto positivo sulle persone con epilessia. È stato dimostrato che un aumento del BDNF e della neurogenesi riduce i sintomi della depressione.

Additivi alimentari

Prendi in considerazione l’assunzione di integratori che migliorano l’umore come zinco, glutatione e L-tirosina. Un integratore particolarmente efficace chiamato 5-HTP (5-idrossitriptofano) aumenta la produzione di serotonina nel cervello, che può aiutare a bilanciare l’umore e migliorare il sonno. Scopri di più sui migliori integratori per migliorare il tuo umore qui. Ricorda di non interrompere l’assunzione di farmaci senza prima parlare con il medico.

Prova a gestire certe situazioni in modo intelligente!

Qualsiasi dieta che limiti determinati gruppi alimentari può farti sentire socialmente isolato, il che può portare alla depressione. Se incontri i tuoi amici in un ristorante italiano e tutti ordinano la pizza, potresti sentirti escluso. Questa sensazione di isolamento può influire sul tuo umore. Quindi cerca di evitare questo tipo di situazioni o ordina un’insalata verde con solo aceto e olio d’oliva. Un invito a casa può soddisfare queste situazioni creando un pasto delizioso e i tuoi amici non noteranno nemmeno che stanno mangiando cibi chetogenici.

conclusione

La dieta chetogenica può sicuramente contrastare la depressione o alleviarla in caso di depressione. Come accennato in precedenza, dovresti sempre consultare un medico se vuoi limitare i farmaci perché hai una dieta chetogenica e il tuo umore è migliorato. È davvero importante qui prendere in considerazione l’opinione dell’esperto che ti sta trattando.