Una delle parti più intimidatorie della dieta chetogenica è il taglio dei carboidrati per entrare in chetosi.

Eliminare qualsiasi macronutriente è un processo a cui devi pensare; Si chiamano macronutrienti per un motivo: sono importanti.

Se stai pensando di passare a una dieta povera di carboidrati e ricca di grassi (LCHF), potresti voler sapere come ridurre i carboidrati nella dieta.

Oggi ti forniremo tutte le informazioni di cui hai bisogno sui vantaggi e gli svantaggi della riduzione dell’assunzione di carboidrati e sui pericoli della dieta chetogenica.

Saprai cosa aspettarti, perché le diete LCHF funzionano e capirai un po’ meglio il tuo corpo leggendo questo articolo!

Carboidrati: un breve riassunto

Cosa sono i carboidrati e a cosa servono?
I carboidrati sono la principale fonte di energia nella nostra dieta e lo sono stati per migliaia di anni da quando abbiamo imparato a coltivare cereali come l’avena e il grano. Oggi rimangono una parte importante della nostra dieta nonostante siano disponibili più opzioni.

I carboidrati producono una risposta all’insulina, un ormone che li trasporta alle cellule per l’assorbimento. Sono usati nel fegato e nei muscoli o immagazzinati nelle cellule adipose.

I carboidrati sono zuccheri o amidi, con gli zuccheri che vengono assorbiti molto rapidamente e gli amidi sono più lenti. Forniscono 4 calorie di energia per grammo. I carboidrati vanno dai cereali integrali naturali allo zucchero trasformato e raffinato.

Devi anche capire la chetosi. Macos’è la chetosi? In parole povere, è quando si passa dall’utilizzo dei carboidrati immagazzinati all’utilizzo dei grassi per produrre energia. Poiché mangiamo così tanti carboidrati, tuttavia, di solito non siamo molto efficienti nella chetosi. Le diete povere di carboidrati possono invertire questo processo e rendere la chetosi (metabolismo dei grassi) molto più efficiente (post).

Contro di tagliare i carboidrati

Quando elimini i carboidrati dalla tua dieta, per una dieta LCHF o cheto, noterai alcuni cambiamenti nelle prime settimane.

1. Esaurimento energetico a breve termine e influenza cheto

All’inizio potresti sentirti stanco, dal momento che non mangi tanti carboidrati. Se li stai utilizzando come principale fonte di energia, o se stai consumando carboidrati in eccesso, potresti sentire che la loro assenza nella tua dieta è alquanto estenuante.

Tuttavia, questo è un cambiamento a breve termine a cui ti adatterai.

Dal momento che la tua dieta fino ad ora è stata ricca di carboidrati, hai trascurato i grassi alimentari e sei diventato eccessivamente dipendente dai carboidrati.

Eliminarli, insieme ai sali che tendi a trovare nei carboidrati come i cereali, può farti sentire un po’ “pressato”.

Questo è anche noto come l’influenza cheto o l’influenza cheto, e se non stai mangiando correttamente, potresti sperimentare sintomi simil-influenzali. Tuttavia, questo è principalmente il risultato della disidratazione e della perdita di elettroliti (sali necessari come potassio e magnesio).

Il nostro consiglio principale per evitarlo è ridurre gradualmente i carboidrati e assicurarti di mangiare noci, semi, verdure a foglia verde e aggiungere sale marino al cibo.

2. Keto ed esercizio fisico

Durante la prima settimana circa, potresti notare una riduzione delle prestazioni di allenamento quando il tuo corpo entra in chetosi, il processo di combustione dei grassi per il carburante quando i carboidrati non sono disponibili. Questo è completamente naturale e non durerà per sempre poiché diventerai rapidamente più efficiente nel bruciare i grassi per produrre energia.

Tuttavia, noterai una perdita di forza dovuta alla mancanza di carboidrati nella tua dieta a breve e lungo termine. Questo perché i grassi sono meno efficaci nel sostituire rapidamente l’energia, qualcosa per cui i carboidrati sono ottimi, specialmente durante brevi esplosioni di energia (come lo sprint o il sollevamento pesi esplosivo).

Pro di ridurre i carboidrati

Mentre la maggior parte dei contro del taglio dei carboidrati vanno e vengono, i vantaggi sono a lungo termine.

Nella prima settimana di una dieta chetogenica perderai peso in acqua, ma i benefici della chetosi a lungo termine e dell’adattamento alla dieta sono molto più importanti.

La chiave di tutti questi vantaggi è a miglioramento del metabolismo dei grassi. Ora non dipendi dai carboidrati, il tuo corpo si adatta per essere più efficace nella chetosi. Quali vantaggi puoi aspettarti da una chetosi efficiente?

Metabolismo, invecchiamento e diabete.

1. Una dieta LCHF o cheto può aiutare a ridurre la risposta all’insulina, soprattutto se vieni da una dieta ricca di carboidrati. Ciò significa una riduzione dei rischi e dei sintomi di diabete, insulino-resistenza e altri problemi di zucchero nel sangue (post).

2. È stato dimostrato che una dieta chetogenica migliora il grasso corporeo, le abitudini alimentari e la resistenza all’insulina.

3. È ottimo per invecchiare in modo sano: mentre il tuo corpo diventa meno efficiente nell’utilizzare i carboidrati per produrre energia con l’età, è comunque efficace nel bruciare i grassi.

Questo è un cambiamento cruciale poiché la “carenza di energia” dovuta a un uso scarso di carboidrati contribuisce a tutto, dalla perdita muscolare con l’invecchiamento (sarcopenia) alla corretta funzione mentale. Ci sono anche studi scientifici che suggeriscono che questo potrebbe essere fondamentale nella prevenzione delle malattie degenerative del cervello come l’Alzheimer (pubblicazione).

2. Prestazioni durante la resistenza

Quando esegui una serie prolungata di esercizi, raggiungerai la chetosi indipendentemente dal fatto che tu intenda farlo o meno.

Per la maggior parte delle persone, questo comporta un calo delle prestazioni, ma se stai seguendo una dieta cheto, questo non è affatto un problema, dato che sarai sulla buona strada per bruciare i grassi!

Questo tipo di allenamento aerobico è quando il tuo corpo inizia a metabolizzare i grassi e quando diventi efficiente nella chetosi dopo alcune settimane/mesi di una dieta cheto, avrai accesso a enormi riserve di energia (post).

Se vuoi allenarti più a lungo, la dieta chetogenica potrebbe essere la chiave per sbloccare il livello successivo di resistenza.

Come abbiamo detto prima, questo avviene con lo scambio di poteri. Ciò significa che la dieta cheto non è per tutti (ad esempio, un velocista o un sollevatore di pesi), ma non esiste davvero una dieta per tutti! La chiave è trovare ciò che si adatta alle tue esigenze e ai tuoi obiettivi, piuttosto che cercare una soluzione adatta a tutti.

Conclusione

Quello che vediamo con la riduzione dei carboidrati è che ci sono fasi della dieta chetogenica: i risultati a breve termine (circa 1-2 settimane) possono essere leggermente negativi (anche se non è necessario), mentre i risultati a lungo termine possono essere molto utili .

Le perdite a breve termine delle prestazioni tornano a guadagni a lungo termine e il lieve inconveniente dell’influenza cheto viene sostituito con un metabolismo dei grassi più efficace e un migliore controllo della glicemia.

Ciò significa che il 50% del funzionamento della dieta chetogenica consiste semplicemente nel rimanerci abbastanza a lungo affinché il tuo corpo si adatti alla chetosi e diventi molto, molto efficiente nella chetosi.

Questo processo continua a migliorare per un massimo di 3 mesi (pubblicazione), quindi dovresti impegnarti almeno per quel tempo per ottenere i migliori risultati.

Dai alla dieta cheto una possibilità di funzionare!