Cos’è l’insulino-resistenza e perché è un problema?

Sfortunatamente, molte persone in tutto il mondo hanno livelli di glucosio e insulina squilibrati. La resistenza all’insulina è una condizione in cui le cellule del corpo non rispondono alle normali azioni dell’ormone insulina. In particolare, i muscoli, il fegato e le cellule adipose hanno difficoltà ad assorbire il glucosio dal flusso sanguigno. Per compensare questo, il corpo produce più insulina.

Il corpo è solitamente in grado di superare la resistenza all’insulina e i livelli di zucchero nel sangue rimangono entro un intervallo sano. Tuttavia, quando la resistenza si accumula, le cellule beta del pancreas non possono produrre abbastanza insulina per regolare la glicemia. Di conseguenza, i livelli di zucchero nel sangue possono aumentare e portare a prediabete, diabete e altre condizioni di salute croniche.

La resistenza all’insulina è molto comune. Si stima che circa il 24% degli adulti di età pari o superiore a 20 anni abbia la condizione. È interessante notare che molte persone con insulino-resistenza non sanno di averla fino a quando non sviluppano il diabete di tipo 2 o un’altra grave condizione cronica. Per questo motivo, è importante sottoporsi a un test ogni tre anni se hai 45 anni o più o se soffri di una condizione di salute che ti espone a un rischio maggiore di insulino-resistenza. È importante sottoporsi al test se hai una delle seguenti condizioni che ti mettono a rischio:

Fumo regolare
sovrappeso o obesi
Una misura della vita di oltre 100 cm per gli uomini e 90 cm per le donne
Allenati al minimo
malattia cardiovascolare
Se ha la pressione alta di 140/90 mmHg o più
Storia familiare di diabete
Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)
Livelli di colesterolo HDL inferiori a 35 mg/dl e/o livelli di trigliceridi superiori a 250 mg/dl

La scienza dietro la dieta chetogenica e l’insulino-resistenza

Gli studi hanno dimostrato che limitare i carboidrati giornalieri migliora tutte le caratteristiche della sindrome metabolica, come ad esempio:

Glicemia elevata
alta pressione sanguigna
Eccesso di grasso corporeo intorno alla vita
Livello di colesterolo anormale

In uno dei primi studi in assoluto a esaminare gli effetti di una dieta chetogenica sulla resistenza all’insulina, i ricercatori hanno monitorato le diete regolari di 10 partecipanti in sovrappeso con diabete di tipo 2 per una settimana. Quindi i partecipanti hanno seguito diete chetogeniche ad alto contenuto di grassi per due settimane.

I ricercatori dello studio Boden hanno notato nei partecipanti alla dieta chetogenica:

In media hanno perso quasi 2 kg in soli 14 giorni,
hanno mangiato naturalmente il 30% in meno di calorie (da una media di 3.111 kcal/giorno a 2.164 kcal/giorno),
la riduzione dei livelli di emoglobina A1c dal 7,3% al 6,8%,
Migliora la sensibilità all’insulina del 75%
Riduzione dei trigliceridi medi del 35% e del colesterolo totale del 10%

La combinazione di alimentazione a basso contenuto di carboidrati e perdita di peso naturale ha bilanciato i livelli di insulina di questi partecipanti e ripristinato i loro corpi a utilizzare correttamente l’insulina senza farmaci.

In un altro studio, 83 partecipanti in sovrappeso o obesi con colesterolo alto sono stati assegnati in modo casuale a una delle tre diete ipocaloriche per otto settimane:

Una dieta ricca di grassi insaturi ma povera di carboidrati (50% carboidrati, 30% grassi, 20% proteine)
Una dieta povera di grassi e ricca di carboidrati (70% di carboidrati, 20% di proteine, 10% di grassi)
Una dieta a basso contenuto di carboidrati come la dieta chetogenica (61% di grassi, 35% di proteine, 4% di carboidrati)

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti alla dieta chetogenica hanno abbassato i loro trigliceridi più di quelli delle altre due diete e hanno abbassato la loro insulina a digiuno del 33%.

Il tuo corpo ha bisogno di tutti e tre i tipi di grassi sani (saturi, monoinsaturi e polinsaturi) per funzionare correttamente e non dovresti aver paura di aumentare l’assunzione di grassi saturi con la dieta chetogenica con prodotti a base di cocco, tagli di carne o cioccolato fondente . La scienza ha ora sfatato il vecchio mito secondo cui i grassi saturi contribuiscono alle malattie cardiache e ad altri problemi metabolici.

Se soffri di diabete di tipo 2, la dieta chetogenica fa per te!

In uno studio su partecipanti in sovrappeso con diabete di tipo 2, una dieta chetogenica ha migliorato così tanto i livelli di zucchero nel sangue che la maggior parte di loro (17 su 21 hanno completato lo studio) ha ridotto o eliminato i farmaci per il diabete dopo appena 16 settimane.

I vantaggi includono:

Abbassando il livello medio di zucchero nel sangue di quasi il 16%,
ciascuno ha perso quasi 10 kg e
hanno ridotto i loro trigliceridi del 42%.

Un altro studio ha dimostrato che, sebbene una dieta a basso indice glicemico possa aiutarti a controllare la glicemia e ridurre o eliminare i farmaci per il diabete, una dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati fa sì che ciò accada più spesso.

E quando alle donne moderatamente sovrappeso è stato chiesto di seguire una delle due diete per quattro settimane, una dieta a basso contenuto di carboidrati o una dieta a basso contenuto di grassi, la dieta a basso contenuto di carboidrati ha portato a una migliore sensibilità all’insulina. D’altra parte, la dieta a basso contenuto di grassi ha aumentato il glucosio, l’insulina e la resistenza all’insulina, ottenendo l’esatto opposto di ciò che vogliono.

Man mano che i livelli di zucchero nel sangue e di insulina si normalizzano con la chetosi e il tuo corpo passa a utilizzare il grasso come carburante, perderai anche peso naturalmente, il che riduce anche la resistenza all’insulina.

Conclusione La verità su una dieta chetogenica e sull’insulino-resistenza

La resistenza all’insulina è un problema serio che affligge non solo te e la tua famiglia, ma l’intero pianeta. Senza un intervento appropriato, la resistenza all’insulina non controllata a lungo termine può portare a diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari o morte prematura per altre cause.

I cambiamenti nello stile di vita portano sollievo. L’adozione di una dieta chetogenica a basso contenuto di carboidrati e ricca di grassi può aiutarti a controllare la glicemia e abbassare i livelli di insulina, permettendoti di riguadagnare la sensibilità all’insulina con meno o nessun farmaco!

Ogni studio di cui abbiamo discusso oggi ha evidenziato il fatto che mentre le diete povere di grassi non aiutano a controllare la resistenza all’insulina, le diete povere di carboidrati lo fanno. Quindi dovresti provare a considerare una dieta chetogenica per diventare di nuovo sensibile all’insulina e sentirti più a tuo agio nella tua pelle nel processo!