Molte malattie o problemi di salute generale sono legati alle abitudini alimentari. Una dieta corretta può alleviare o addirittura eliminare alcuni disturbi, mentre quella sbagliata può causarli o peggiorarli. In un mondo in cui ci sono così tante culture diverse, ci sono altrettanti modi diversi di mangiare. Quello che non si può negare, però, è che alcune di queste abitudini possono avere un impatto fatale sulla nostra salute. La tipica dieta occidentale, ricca di grassi e zuccheri malsani, è considerata particolarmente dannosa per il nostro organismo.

La dieta chetogenica, invece, ha molti effetti positivi sul nostro benessere e sulla qualità della vita. Ma per quanto riguarda l’acidosi?

Cos’è l’acidosi?

Esistono due tipi di acidosi, uno è respiratorio e l’altro è metabolico. L’acidosi respiratoria o correlata alla respirazione si manifesta sotto forma di mancanza di respiro, aumento della pressione sanguigna o tachicardia. Altri sintomi includono confusione generale e debolezza.

Ciò è dovuto al fatto che l’acidosi respiratoria porta a una fornitura insufficiente di ossigeno. La ragione di ciò è che non è possibile espirare abbastanza anidride carbonica, questo è acido e rimane nel corpo involontariamente. Questo processo può essere causato da una serie di fattori, tra cui l’asma bronchiale, i disturbi del centro di regolazione respiratoria nel cervello, la ventilazione a lungo termine o, ad esempio, il gonfiore dei polmoni.

Quindi, se non viene escreta una quantità sufficiente di CO2, il nostro corpo cerca di compensare questo attraverso i reni espellendo prodotti metabolici più acidi attraverso di essi. Poi c’è un aumento della minzione. Se ciò non bastasse, tuttavia, senza contromisure mediche, il valore del pH nel sangue diminuirà notevolmente, il che può portare anche alla morte.

L’acidosi metabolica o metabolica si verifica meno frequentemente di quella respiratoria. È particolarmente evidente sotto forma di aumento della respirazione profonda. Di conseguenza, il nostro corpo cerca di espirare CO2 più acida per compensare l’acidificazione.

L’acidosi metabolica è causata da un sovraccarico dei sistemi tampone del corpo, che fa diminuire il valore del pH nel sangue. I fattori che possono causare questo includono diabete mellito, alcolismo, esercizio fisico intenso e dieta estrema. Anche l’insufficienza renale acuta o cronica, che influisce sull’eliminazione dell’acido attraverso i reni, può causare acidosi. Un caso speciale è la chetoacidosi diabetica, in cui l’alito ha un forte odore di acetone.

Come riconoscere e curare l’acidosi?

L’acidosi può essere diagnosticata in modo relativamente semplice con un’emogasanalisi. L’acidosi respiratoria e quella metabolica si possono distinguere con l’ausilio dei valori specifici di bicarbonato e della pressione parziale di carbonio.

Se ci sono anche solo pochi segni di acidosi, consultare immediatamente un medico e iniziare immediatamente il trattamento. Il trattamento si compone di tre fattori:

  • sollievo dei sintomi
  • eliminazione dell’acido in eccesso
  • Eliminazione della causa dell’acidosi

Di seguito entreremo più nel dettaglio sulla chetoacidosi.

Chetosi vs chetoacidosi Qual è la differenza?

La chetoacidosi, una forma speciale di acidosi metabolica, è una complicanza del diabete mellito di tipo 1. In una tale malattia, il corpo non è più in grado di produrre la propria insulina. Uno dipende da una fornitura esterna. In caso di un’ulteriore malattia o infezione, ma soprattutto con un’assunzione insufficiente di insulina, ciò può portare alla produzione di chetoni in grandi quantità senza inibizioni, che porta alla chetoacidosi.

Per quanto riguarda la chetosi, la produzione di chetoni non è dannosa. La chetosi è indotta quando il consumo di carboidrati è notevolmente ridotto, in genere a meno di 50 g al giorno, e l’assunzione di grassi è significativamente aumentata con un consumo moderato di proteine. D’ora in poi, il corpo utilizza i grassi come fornitori di energia, che può utilizzare efficacemente sotto forma di chetoni. È quindi prevedibile un aumento dei livelli di chetoni. Tuttavia, questo è completamente innocuo come parte di una dieta chetogenica equilibrata e considerata.

Un problema sorge solo quando i livelli di chetoni superano un certo livello. Tuttavia, questo non dovrebbe accadere con la dieta chetogenica, ma è il caso della chetoacidosi. Entrambi sono quindi fondamentalmente diversi.

Quali livelli di chetoni sono normali?

La quantità di chetoni nel sangue o nel respiro può variare notevolmente. Le persone che non seguono una dieta chetogenica, nel senso che seguono una dieta ricca di carboidrati, tendono ad avere livelli di chetoni piuttosto bassi. Questi sono generalmente inferiori a 0,6 mmol/L nelle urine e nel sangue.

Quando inizi una dieta chetogenica, il tuo corpo inizia lentamente a produrre sempre più chetoni. Quindi i livelli di chetoni salgono gradualmente al di sopra di 0,6 mmol/L. Non appena il corpo è completamente in chetosi, i valori si stabilizzano tra 0,6 e 3 mmol/L nelle urine e tra 0,6 e 1,5 nel sangue. Questi livelli sono ideali quando si è in chetosi.

D’altra parte, quando il corpo sta morendo di fame ed entra in chetosi, a causa di antichi meccanismi che servivano a sostenersi durante lunghi periodi di fame, il nostro corpo si trova in quella che è nota come chetosi da fame. In questo stato vengono prodotti ancora più chetoni, i valori ora sono compresi tra 3 e 5 mmol/L nelle urine.

Quando i livelli di chetoni superano 5 mmol/L nelle urine e 3 mmol/L nel sangue, le cose iniziano a farsi pericolose. Almeno da quel momento in poi, il rischio di chetoacidosi aumenta. Se il livello di zucchero nel sangue supera i 250 mg/dl, dovresti chiamare immediatamente un medico.

Se si verifica chetoacidosi, è possibile determinare valori superiori a 10 mmol/L nelle urine e oltre 3 mmol/L nel sangue. Se questo è il caso, dovresti consultare immediatamente un medico.

Conclusione

L’acidosi e la chetosi differiscono significativamente in termini di livelli di chetoni. Per verificare se sei effettivamente nella chetosi desiderata, dovresti comunque misurare regolarmente i livelli di chetoni. Puoi quindi vedere immediatamente se si trovano nell’area verde. Di norma, tuttavia, una dieta chetogenica correttamente eseguita non dovrebbe portare all’acidosi a meno che tu non soffra di diabete mellito di tipo 1.